di Daniela Pesoli – Questa mattina, nella sala Nervi del Vaticano, Papa Francesco ha benedetto la campana “Alma Mater dolorosa” realizzata e finanziata dal formiano Michele Maddalena per ricordare le 185 vittime della tragedia mineraria avvenuta nel comune istriano di Arsia il 28 febbraio 1940.

Un’opera d’arte commemorativa creata nella Pontificia fonderia di Agnone.

Ed oggi pomeriggio, alle 15, la campana arriverà in piazza Santa Teresa a Formia accolta dalle autorità civili e religiose, prima di prendere il suo cammino verso Arsia, in Croazia, dove verrà installata.

Le vittime della tragedia erano tutte italiane (come all’epoca era Arsia) e quest’anno, in occasione dell’80esimo anniversario, è nato il progetto “Arsia 2020” per ricordare una triste pagina della storia su idea proprio di Michele Maddalena, che molto ha fatto anche per non far dimenticare i morti di Marcinelle e Monongah.

Un progetto partito da Formia che ha avuto l’adesione di numerose associazioni italiane.