progetti Formia
L'uomo vitruviano di Leonardo da Vinci

E’ un rapporto di competizione quello che intercorre tra Leonardo da Vinci, l’uomo simbolo del Rinascimento che ha sempre ricercato l’unità della conoscenza nello studio della geometria e delle scienze naturali, e Marco Vitruvio Pollione.

Da una parte il primo che non accetta di stare sotto qualcuno, ma che dal genio assoluto dell’architettura riprende l’idea dell’organicità, dell’anatomia del corpo umano, e dall’altra lo stesso Vitruvio che non considera i disegni di Leonardo.

Due figure di spicco mosse da una tensione verso la perfezione, accomunati però dall’aver lasciato il segno nella città di Formia.

Proprio questo legame sarà alla base di due progetti culturali finanziati dalla Regione Lazio.

Il prospetto relativo a Vitruvio, il quale deve a Formia i natali e la descrizione nel “De Architectura”delle bellezze del Golfo, ha ottenuto 12000 euro e riguarda i seguenti siti archeologici: il Cisternone romano, la torre di Mola e di Castellone.

Marco Vitruvio Pollione

Un’eredità nel tempo che rafforzerà ancor di più la vicinanza con il comune di Arpino attraverso il “Certamen”, competizione internazionale sulla lingua latina per tutti gli studenti.

L’omaggio che l’amministrazione Villa offrirà a Leonardo parte dalla preoccupazione per le paludi del sud pontino, in occasione dei 500 anni dalla sua morte.

Leonardo da Vinci