sabato 24 Febbraio 2024
spot_img

Formia, ispezione antimafia in Comune: Corrado chiede di tenere alta l’attenzione

Acquisire la documentazione relativa a gare d’appalto gestite dall’ex amministrazione guidata da Sandro Bartolomeo tra il 2015 e il 2017. E’ il motivo che ha condotto, il 5 dicembre, gli agenti della Direzione distrettuale antimafia a recarsi negli uffici del comune di Formia.

Una visita eseguita sottostando all’ordine del Tribunale di Cassino, che il sindaco Paola Villa ha accolto con estrema collaborazione.

Tre i filoni d’inchiesta tutt’ora aperti su cui si espressa Gaia Pernarella, consigliera regionale Lazio del Movimento 5 Stelle. “Quello che continua a succedere nel Sud pontino è preoccupante e non va assolutamente minimizzato. Ecco perché ho chiesto alla mia collega Valentina Corrado, di sollecitare la commissione consiliare antimafia della Regione Lazio di cui è membro e di tenere alta l’attenzione su quanto accade nel nostro territorio”.

E non è mancato l’intervento di Valentina Corrado sull’ispezione della DDA a Formia. “Come membro della commissione regionale antimafia – ha affermato la consigliera M5S – credo vada ulteriormente alzata la soglia di allerta verso il Basso Lazio e le sue dinamiche criminali che troppo spesso si intrecciano alla vita civile. A questo proposito devo ricordare gli immancabili riferimenti alla presenza delle mafie nel Sud pontino, riportate nelle periodiche relazioni semestrali proprio della DDA, così come i reiterati approfondimenti dell’Osservatorio regionale, capace di disegnare ad ogni annuale rapporto una popolata geografia dei vari e numerosi sodalizi presenti sul territorio”.

Consapevole del fatto che il Golfo di Gaeta sia luogo di domicilio coatto di famiglie di spicco della Camorra e di ripetuti arresti, sequestri o confische, Valentina Corrado cita le parole dell’ex Questore di Latina, Giuseppe De Matteis: “una terra di confine dove operano mafie di serie A. Basti ricordare l’omicidio del boss Gaetano Marino a Terracina, l’insediamento dell‘ndrangheta a Fondi, peraltro anche confermato da una sentenza della Corte di Cassazione”.

Francesca De Meo
Francesca De Meo
Laureata in Letteratura, scrittura, editoria all'Università degli Studi di Roma La Sapienza, ha fin da piccola coltivato il sogno di fare del giornalismo una professione seria e attenta alle dinamiche della società.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img