mercoledì 28 Settembre 2022

Formia, il consigliere Paone si dimette: “Dal PD poco rispetto per Sel”

“Dimissioni per stanchezza”, così Enrico Paone di Sel ha annunciato di voler lasciare il Consiglio Comunale di Formia. Una stanchezza che, precisa l’esponente di Sinistra, Ecologia e Libertà non è dovuta a motivi di salute o situazioni personali, quanto piuttosto a una situazione politica che Paone ammette di non riuscire più a gestire. “I 30 mesi trascorsi dall’inizio del mandato sono stati faticosi e non ne abbiamo fatto mai mistero, né io, né il circolo. E nel mio caso, è proprio questa la questione – così Paone in una nota – Non ci sarebbe stata stanchezza se le nostre energie fossero state utilizzate sempre per le cose da fare per la città. E invece, nostro malgrado, e nonostante l’impegno che non è mai mancato, ci siamo dovuti produrre spesso in prove di forza muscolare col resto della maggioranza o parte di essa, in difesa delle nostre convinzioni, che troppo spesso non sono state condivise e quasi sempre snobbate”. Paone si lascia andare ad uno sfogo contro l’alleato rappresentato dal Partito Democratico: “La mia, la nostra maggioranza, ha avuto poco rispetto per un alleato di governo, di peso minore certo, ma non insignificante, anche nei numeri, con tre consiglieri eletti. Voglio davvero sperare che questa affermazione che ha riscontro in fatti documentati o documentabili, e non certo frutto di vittimismo da parte nostra, non sollevi la consueta levata di scudi del PD. La solita dichiarazione di ‘lesa maestà’ sarebbe davvero fuori luogo per un partito che, per sua stessa ammissione, continua ad interrogarsi su come tenersi unito. E nel tentativo, ancora oggi vano, di tenere assieme le diverse anime che lo compongono, non ha mai avuto modo di considerare le nostre istanze. E poi, comunque, ‘quelli di SEL stanno lì, senza se e senza ma’, immaginando quasi una subalternità che non poteva esserci perché semplicemente inaccettabile”.

Paone non ringrazia nessuno dell’attuale amministrazione, a parte il consigliere Bertone e l’assessore Manzo ai quali augura di proseguire in un percorso amministrativo più facile del suo. “Se queste dimissioni venissero lette in modo politicamente corretto dagli alleati di governo, cosa di cui sinceramente dubito – continua Paone -, il loro percorso futuro potrà essere più agevole”. Enrico Paone rimarrà comunque a disposizione per costruire qualcosa, un progetto basato sull’autonomia dal PD, escludendo per l’ipotesi di nuovi futuri impegni amministrativi.

IL COMUNICATO DI SEL – Dal circolo di Sel di Formia così commentano le dimissioni di Enrico Paone: “Il tentativo di farlo desistere è stato vano. Il circolo non ha potuto far altro che prendere atto della sua scelta, che risulta più accettabile in considerazione della volontà da lui espressa di voler continuare a partecipare fattivamente al serrato dibattito politico in atto”. Il Circolo R. Cicione ha quindi ringraziato Enrico Paone per il lavoro svolto. “Le sue dimissioni – continua la nota – mantengono inalterata e, anzi, rafforzano la vigilanza di Sel sulla indiscutibile necessità che l’attuale maggioranza, pur nell’ambito di un franco confronto interno, dia effettiva prova di unità d’intenti rispetto alle scelte, grandi e piccole, utili per la città e da attuare in questa seconda metà di mandato amministrativo. È su questo che SEL rimane impegnata a misurare se stessa e la propria maggioranza”.

LA NOTA DEL SINDACO BARTOLOMEO – “Apprendo delle dimissioni del consigliere Enrico Paone e ne sono molto dispiaciuto, sia sul piano umano che politico – così il Sindaco di Formia Sandro Bartolomeo -. Mi astengo dal giudicare le sue dichiarazioni che mi pare riguardino più le parti politiche in causa che l’Amministrazione nel suo complesso” Bartolomeo ha ringraziato Paone e ha accolto la persona che lo sostituirà, l’avvocato Maria Rosaria Battaglia: “Saprà esprimere le stesse qualità”, ha concluso il primo cittadino.

CORRELATI

spot_img
spot_img