giovedì 8 Dicembre 2022

Formia e progetti mai realizzati, Silvio D’Arco: Bartolomeo non ha mantenuto le sue promesse

di Redazione – L’ex assessore provinciale, Silvio D’Arco, non usa mezzi termini per criticare l’operato del sindaco Sandro Bartolomeo a Formia: “A fronte di una ripresa economica nazionale, nella la città di Formia le condizioni sociali, economiche e occupazionale arretrano vistosamente. Contribuiscono a questo stato di cose l’immobilismo politico-amministrativo dell’attuale Amministrazione comunale e la sua macchina burocratica farraginosa con suoi Dirigenti, in buona parte, delegittimata anche dalle inchieste giudiziarie in corso”.

Secondo D’Arco in questi due anni di governo il primo cittadino non ha rispettato i suoi impegni programmatici e le promesse fate in campagna elettorale: “I grandi progetti annunciati e promessi e strombazzati dal Sindaco Bartolomeo sono tutti finiti nel dimenticatoio degli annunci e delle chiacchiere propagandistiche, demagogiche e della doppia moralità. Così è stato per la Pedemontana, per il famoso e grande Campus scolastico a Penitro, per il Piano Commerciale della città (commissionato, pagato 80 mila euro ad una società di Bologna e mai arrivato in porto)”. Tra gli altri progetti che D’Arco elenca il centro congressuale dell’Ex Seve-Up, la seconda stazione ferroviaria a Santa Croce, il Porto turistico, la Littorina Formia-Gaeta, l’acquisizione di Villa Rubino, l’ex Colonia di Donato, il recupero e riqualificazione dell’ex Salid e il Policlinico del Golfo.

D’Arco critica anche il Piano Regolatore Generale per il quale, “dagli indirizzi dettati al progettista, si intravedono chiaramente linee molto restrittive che puntano gravemente alla cristallizzare l’attuale situazione urbanistica che impedirà, per il prossimo ventennio, qualsiasi ulteriore sviluppo ordinato e sostenibile della nostra città”.

Mandare a casa questa compagine amministrativa – conclude d’Arco – diventa quindi una priorità politica, sociale ed economica per salvaguardare e “sprigionare” le potenzialità di sviluppo, comunque, ancora esistenti nel nostro territorio”.

CORRELATI

spot_img
spot_img