Un'Altra Città
Il Comune di Formia

di Daniela Pesoli – La società Tim ha impugnato la delibera del consiglio comunale di Formia che individua la localizzazione delle antenne per la telefonia mobile sul territorio, chiedendo al tribunale amministrativo regionale del Lazio (sezione di Latina) di annullarla.

La delibera è stata approvata il 29 luglio 2019 e contiene i criteri di scelta delle zone dove installare i ripetitori. La Tim ha presentato un ricorso al Tar ritenendo tale regolamento troppo restrittivo e avanzando altre eccezioni di natura tecnica.

In sede di deliberazione, il regolamento è stato definito dal consiglio comunale un atto che “persegue il corretto bilanciamento degli interessi da tutelare, al fine di garantire innanzitutto la tutela dei soggetti particolarmente sensibili in ossequio al principio comunitario e nazionale di precauzione, escludendo la possibilità di installarvi impianti di stazioni radio base per telefonia cellulare, anche nelle immediate vicinanze, di ospedali e case di cura, edifici ad uso scolastico di ogni ordine e grado, asili nido, scuole materne e istituti di assistenza all’infanzia, edifici per il riposo degli anziani, edifici per la cura e la riabilitazione di persone inferme, ferma restando la garanzia di copertura del servizio delle aree interessate”.

Ora saranno i giudici amministrativi a dipanare la vicenda, intanto il Comune si è costituito in giudizio incaricando l’avvocato Sabrina Agresti di rappresentare l‘ente.