Home Dai Comuni Fondi, “Una storia tricolore”: il concerto per la Festa della Repubblica

Fondi, “Una storia tricolore”: il concerto per la Festa della Repubblica

0

Fondi celebra la Festa della Repubblica con il concerto “Una storia tricolore”. Si tratta del primo evento in presenza in città dopo lo stop dovuto al coronavirus.

L’appuntamento è alle 11 a Palazzo Caetani. Tre grandi artisti omaggeranno la città e la nazione sulle note della classicità nell’accezione più ampia del termine.

Opera, brani popolari e colonne sonore del grande cinema d’autore: il motivo conduttore del programma non sarà infatti il genere ma l’italianità.

Ad esibirsi sarà l’apprezzato e consolidato trio composto da Chiara D’Acunto (soprano), Andrea Tassini (tromba) e Gabriele Pezone (pianoforte).

“È un onore e un grande orgoglio – ha detto il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto – celebrare la principale festa civile della nostra nazione con un prestigioso evento che rafforza il nostro forte e radicato senso di italianità tramite il linguaggio universale della musica”.

“Questo evento, oltre a celebrare la nascita della nostra nazione e il trionfo della democrazia – ha aggiunto Vincenzo Carnevale – è anche il primo concerto in presenza della nostra città dopo il lunghissimo inverno segnato da pesanti restrizioni. Ci saranno, dunque, gli applausi e il calore del pubblico ma anche i vantaggi dei mezzi telematici che consentiranno alla grande musica cittadina di travalicare i confini locali”.

Il concerto si terrà infatti in presenza (con prenotazione obbligatoria mediante e-mail fondimusicfestival@gmail.com) ma sarà anche trasmesso in diretta streaming sulle pagine istituzionali del Comune di Fondi (Facebook, Instragram e Youtube).

L’evento, che si inserisce nel più ampio progetto “La Cultura fa Sistema” promosso dal Sistema Bibliotecario del Sud Pontino, è organizzato dalle associazioni Fondi Turismo, Associazione musicale “Ferruccio BusonI”, Associazione musicale “Sergej Rachmaninov” ed è patrocinato dal Comune di Fondi, dalla Regione Lazio, dalla Banca Popolare di Fondi, dalla Casa della Cultura e dalla Banca Popolare di Fondi.

Exit mobile version