di Daniela Pesoli – Il Comune di Fondi fa il punto dopo la sospensione precauzionale della consegna delle borracce di alluminio perché, in base ad alcune segnalazioni, i tappi potevano rilasciare residui in plastica nelle operazioni di avvitamento e svitamento.

“Nell’invitare nuovamente tutti coloro che hanno già ritirato la borraccia a verificare la possibile criticità e, in caso affermativo, a restituirla presso la casa comunale e comunque a non utilizzarla – interviene l’amministrazione comunale – si rende noto che, ad oggi, su circa 2.000 borracce erogate ne sono state riconsegnate soltanto 5 che presentano una anomalia del materiale plastico della filettatura, e ciò lascia presumere che il difetto in questione sia notevolmente circoscritto”.

Intanto il rimanente lotto del prodotto è in riconsegna presso la ditta fornitrice che eseguirà specifici controlli a seguito dei quali comunicherà l’esito al Comune.

Circa la provenienza delle borracce, il Comune precisa che “l’acquisto è avvenuto a norma di legge tramite gara su piattaforma Mepa, in cui le pubbliche amministrazioni devono acquistare beni e servizi dai fornitori abilitati”.