rifiuto alcol test

di Daniela Pesoli – Ancora tutti da ricostruire i dettagli dell’omicidio avvenuto questa mattina a Fondi dove Emilio Maggiacomo, agricoltore di 69 anni, è stato ucciso mentre eseguiva lavori nella sua vigna di via Molelle, in località San Raffaele.

Il presunto assassino, un 44enne di nazionalità pakistana, è stato arrestato poco dopo il delitto dalle forze dell’ordine, già presenti nella zona per il controllo della zona rossa, mentre tentava di fuggire.

Dai primi accertamenti, sembra che lo straniero avesse lavorato come bracciante nella proprietà di Maggiacomo e che tra i due questa mattina potrebbe essere scoppiata una lite, degenerata in un’aggressione, per motivi di denaro.

Al vaglio degli inquirenti ci sarebbe una telefonata fatta dall’agricoltore al figlio prima di essere ucciso, nella quale avrebbe potuto spiegare cosa stesse succedendo.

Si è parlato anche di un tentativo dell’immigrato di eludere i controlli per fuggire dalla zona rossa che il 69enne avrebbe impedito. Un altro possibile movente sul quale indagano i carabinieri.

Il corpo senza vita di Emilio Maggiacomo è stato rinvenuto questa mattina. Sarebbe stato colpito ripetutamente al volto con un bastone o qualcosa di simile.