Procaccini
Nicola Procaccini

E’ uno dei settori più belli e amati del Made in Italy.

Ma il florovivaismo, insieme all’ortofrutta ed altri comparti di punta del nostro paese sono quelli che stanno affrontando una gravissima fase di difficoltà con lo stop a cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali, ma anche con il blocco della mobilità e la chiusura dei negozi.

La delegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo ha inviato una lettera alla Commissione Ue per richiedere interventi urgenti a tutela del settore florovivaistico italiano ed europeo, pesantemente colpito dalla crisi del Coronavirus.

La nota è indirizzata ai commissari all’agricoltura Janusz Wojciechowski, al Mercato interno Thierry Breton e ai Trasporti Adina Valean.

La richiesta formulata dagli eurodeputati di Fratelli d’Italia chiara.

“Servono misure urgenti e straordinarie, senza le quali molte aziende saranno costrette a sospendere le loro attività nel prossimo futuro, con danni ben più gravi del mancato guadagno e delle vendite. Un danno che si ripercuoterà – spiegano gli eurodeputati Carlo Fidanza, Raffaele Fitto, Sergio Berlato, Pietro Fiocchi, Nicola Procaccini e Raffaele Stancanelli –  non solo questa filiera ma anche sull’intero comparto alimentare”.

Parliamo di un comparto costituito anche da aziende giovani, dinamiche, che hanno sostenuto investimenti ingenti per attrezzarsi a norme sempre più stringenti senza peraltro beneficare di grandi risorse dai piani di sviluppo.

“In particolare chiediamo l’istituzione di un fondo dedicato alla compensazione delle perdite delle aziende florovivaistiche, il sostegno alla vendita di piante e fiori all’interno dei canali distributivi ancora in essere a partire dalla grande distribuzione, l’eliminazione delle restrizioni alla circolazione delle merci e alle forniture delle aziende nel settore della floricoltura, sia a livello nazionale che europeo”.