Festival dei Giovani Gaeta
La presentazione della quarta edizione del Festival dei Giovani

Credere nelle nuove generazioni, nelle loro competenze e nei vari tentativi di crescita. E’ questo il filo conduttore che, per il quarto anno consecutivo, rende Gaeta luogo ideale per ospitare il Festival dei Giovani.

La manifestazione, in programma dal 3 al 5 aprile, è ideata da Noisiamofuturo in collaborazione con l’Università Luiss Guido Carli e Intesa San Paolo.

Sondaggi, contest, incontri di formazione e dibattiti sui più importanti temi d’attuali sono solo alcune delle novità che vedranno protagonisti migliaia di ragazzi, provenienti da ogni parte d’Italia.

Sulla scia del successo della passata edizione, che ha registrato oltre 23 mila presenze, il Festival dei Giovani 2019 continua ad evolversi con particolare attenzione a una realtà caratterizzata da social network, neologismi e serie tv.

Un investimento sul domani capace di cogliere l’entusiasmo, ma anche le ansie e le preoccupazioni degli studenti che popolano il territorio del sud pontino, tra cui quelli degli Istituti scolastici “Gaetano Filangieri” e “Bruno Tallini” di Formia, del Liceo scientifico “Enrico Fermi”, del Nautico “Giovanni Caboto” e dell’Istituto comprensivo “Principe Amedeo” di Gaeta, dell’Istituto professionale “Alessandro Filosi” di Terracina.

“Siamo orgogliosi – ha esordito il sindaco Cosmo Mitrano – che Gaeta rappresenti la capitale dei giovani in Italia. Il nostro sforzo è di far trovare una città accogliente, dando forma a un progetto sfidante che in molti vogliono sposare. Iniziamo il nuovo Festival con tanta emozione e con la giusta curiosità che ci attende per conoscere il mondo dei nostri ragazzi”.

Pieno di speranza l’invito che l’assessore alla pubblica istruzione, Lucia Maltempo ha rivolto agli studenti: “sappiate giocare bene le vostre carte, cogliendo questa opportunità che potrà aiutarvi nella scelta futura. Fate un lavoro che vi piace fare, rimanendo sempre con i piedi per terra”.

Ad illustrare nel dettaglio le iniziative che si svolgeranno nel Comune laziale la fondatrice Fulvia Guazzone: “Il Festival dei Giovani è cresciuto grazie al coraggio di chi ha dato fiducia nei ragazzi. Con questa spinta siamo qui a riconfermare una formula unica che si basa soprattutto sul confronto e sull’ascolto. E’ una sfida in cui tutti hanno accettato di fare un passo indietro, per creare uno spazio dove gli studenti possano sentirsi liberi di esprimere”.

Nella tre giorni, infatti, ci sarà l’occasione di partecipare alle sessioni del “Talent School” o ancora al “Make your Own Series” che consentirà di cimentersi nella scrittura di soggetti e storie per serie tv.

Paradossalmente sarà proprio lo studio e il suo legame con la prospettiva lavorativa ad accompagnare i ragazzi, come sottolineato dal professore di economia della Luiss, Fabiano Schivardi: “Studiare è importante perché permette di reinventarsi più volte, anche nei momenti di difficoltà. Chi ha una laurea sarà più realizzato professionalmente e riuscirà a superare quel retaggio culturale, basato sulla distinzione tra uomo e donna nel campo lavorativo”.

Durante l’ultima giornata del Festival dei Giovani, inoltre, si terrà la finale nazionale della gara Latuaideaimpresa. A scegliere il vincitore una giuria di imprenditori, il cui obiettivo sarà di sostenere gli studenti meritevoli.

Lo dimostrano i numerosi finanziamenti offerti da Intesa Sanpaolo, ribaditi dal direttore area retail di Latina, Mariano Pighetti.

Non mancheranno nel corso dell’intera manifestazione, divertimento e intrattenimento con cinema, teatro e musica. Rigorosamente per giovani.