La fatturazione elettronica obbligatoria introdotta il primo gennaio del 2019 anche per i privati, è stato un passo necessario e dovuto per contribuire alla digitalizzazione fiscale del nostro Paese, nonché alla standardizzazione delle procedure e della documentazione.

Ma non solo. La fatturazione elettronica ha anche contribuito ad accrescere le entrate tributarie dello Stato e supportato le misure antievasione sull’IVA.

A dirlo sono i dati rilasciati dal dipartimento delle Finanze del Mef, che ha precisato come l’incremento del gettito IVA generale rispetto al 2018 è aumentato di circa il 2,5%, in cifre si parla di 3.306 milioni di euro.

A trainare il tutto pare essere proprio merito dell’entrata in vigore della fatturazione elettronica anche per il settore B2C, dopo che già era stata progressivamente introdotta per la Pubblica Amministrazione, e in fase successiva per il settore B2B.

Ottimi risultati si sono registrati in relazione agli scambi interni con un +3.623 milioni di euro, pari ad un +3%. Mentre le entrate tributarie dell’Erario ammontano a 471.622 milioni di euro, segnando +7.847 milioni di euro rispetto al 2018, con un +1,7% totale.

Stando ai dati del Mef, la dinamica del gettito è stata sostenuta, complessivamente, sia dalle imposte dirette come l’Irpef e l’Ires, che da quelle indirette.

Basti pensare che per le sole imposte dirette, nel 2019 si sono incassati 252.284 milioni di euro, segnando una crescita del + 1,8%, pari a circa 4.513 milioni di euro.

Dunque, la digitalizzazione fiscale sembrerebbe fare bene al Paese, sia in termini di incassi, che di contrasto e riduzione dell’evasione tributaria.

Anche le aziende hanno avuto dei vantaggi indiscutibili, soprattutto grazie all’adozione di specifici software per emettere il nuovo documento fiscale, che a conti fatti, si sono rivelati utili anche per gli altri comparti aziendali.

Software come Fatture in Cloud sono adatti ad esempio, non solo per emettere la fattura elettronica, ma anche per aumentare l’efficienza e la produttività del professionista, commerciante, artigiano e delle piccole e medie imprese, in generale.

Infatti, questi programmi sono pensati per abbracciare tutte le necessità di chi, quotidianamente, si ritrova a che fare con fatture da compilare, inviare e ricevere, ma riescono ottimamente anche a gestire anche tutta la documentazione che interessa i preventivi, i pagamenti, le offerte commerciali, i contratti e l’inventario, nell’ottica di una piena e più rapida gestione di tutte le necessità aziendali.