sabato 24 Febbraio 2024
spot_img

Ex Lbc, Calandrini: “Sosterremo la richiesta dei tre consiglieri”

Sul passaggio dei tre esuli di Lbc al gruppo misto interviene anche Nicola Calandrini. Colazingari a suo dire avrebbe interpretato male il regolamento e sarebbe assolutamente lecito per Olivier Tassi, Salvatore Antoci e Massimo Di Trento ricostituire Latina Rinasce.

“Il diritto delle minoranze – ha esordito Calandrini per spiegare la sua posizione – è la libertà delle maggioranze, la prepotenza delle maggioranze è la morte della libertà. Noi in consiglio comunale sosterremo la richiesta dei tre consiglieri fuoriusciti da Lbc di costituire un autonomo gruppo consiliare per le ragioni opposte a quelle che hanno portato il presidente Colazingari a respingere questa possibilità, interpretando erroneamente il regolamento”.

“Sul punto – ha continuato Calandrini – il presidente del consiglio ha confermato di essere al servizio permanente effettivo della maggioranza e non dell’intera assise comunale come suo dovere, a questo si è aggiunto il liberticida pronunciamento della stessa Lbc ai danni dei dissidenti.

La libertà non si baratta, quindi chiederò ai colleghi della minoranza di sottoscrivere una richiesta di convocazione di consiglio comunale esattamente nelle stesse modalità e forme con cui era stata chiesta dai tre consiglieri. Un atto politico a loro tutela, ma soprattutto a tutela dell’intera assemblea comunale. Useremo metodi radicali – ha tuonato infine – a fronte del totalitario comportamento di Lbc”.

Latina Rinasce era una delle tre liste presenti nella campagna elettorale del 2016. Massimiliano Colazingari però applicando alla lettera l’articolo 25 dello Statuto ha escluso la sua ricostituzione. La questione finirà in consiglio comunale.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img