domenica 23 Giugno 2024
spot_img

Elezioni Provinciali, parla Moscardelli: “Sì al dialogo con NCD. Nasso? Incidente che non mi meraviglia”

di Massimo Guida – Claudio Moscardelli rientra dalle vacanze e, prima di fare ritorno tra i palazzi romani, interviene sulla situazione politica di Latina e sulle recenti polemiche legate alla criminalità, in un’intervista apparsa sul Giornale di Latina. L’appuntamento con le Elezioni Provinciali è alle porte, e il senatore del PD non ha mai fatto mistero di essere favorevole a un intesa con il Nuovo Centrodestra, che tanto ha diviso il Partito Democratico. “C’è la volontà di una svolta in Provincia, siamo alla vigilia di un momento cruciale, di cambiamento rispetto ai 20 anni trascorsi sotto l’egemonia del centrodestra”, dice Moscardelli. Che parla esplicitamente di alleanze: “Cerchiamo una maggioranza più ampia possibile. Il Nuovo Centrodestra è un interlocutore credibile e credo abbia tutto l’interesse ad ascoltarci. Come del resto i tanti sindaci indipendenti che si vanno a organizzando in questi giorni”, è l’opinione del senatore. Moscardelli esclude “larghe intese” con Forza Italia: “Sono avversari e non vedo soprattutto sul piano locale margini per poter fare accordi con loro”. Ma a Latina fervono le discussioni anche in vista delle elezioni comunali, previste nel 2016. Interrogato sulla questione, Moscardelli precisa che anche se l’appuntamento è lontano, il PD sta lavorando per trasformare il consenso ottenuto alle europee in consenso amministrativo: “Non c’è altra ricetta che essere radicati sul territorio”, dice il senatore.

Altra questione che sta infiammando il dibattito del capoluogo pontino sono gli episodi criminali e le polemiche politiche che ne sono scaturite. Moscardelli dice la sua: “Ci sono elementi preoccupanti da tenere sotto controllo. Non vanno sottovalutati i segnali di questi giorni, ma non possiamo dire che Latina sia da mettere sullo stesso piano di realtà in cui la criminalità è padrona del territorio”. L’esponente del PD conferma anche l’intenzione di portare la commissione antimafia nel capoluogo. Non trascura neanche il problema del Tar che rischia la cancellazione: “Ci stiamo muovendo di concerto con il senatore Pagliari di Parma per mantenere in vita le sedi decentrate”. Infine, un’ultima battuta è dedicata a Nasso e alle dichiarazioni sulle ‘bravate’: “È stato un incidente di percorso che comunque non mi meraviglia”, sentenzia Moscardelli. Che si spiega meglio: “La destra ha dimostrato molta retorica sul tema della sicurezza, salvo poi dare segnali di resa nei confronti della criminalità. La loro gestione è stata fallimentare. Non hanno dimostrato grande senso delle istituzioni”, è la conclusione del senatore.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img