Mauro Carturan

Mauro Carturan doveva essere candidato alle prossime elezioni provinciali di Latina nelle liste della Lega. Ma questo matrimonio non si farà. 

Il perché lo ha spiegato lo stesso sindaco con un messaggio video apparso sulla sua pagina Facebook in cui non non disdegna qualche critica alla Lega e alla sua stessa maggioranza. 

“La mia posizione è semplicissima: Cisterna con il disastro Della Penna governava comune e provincia. Ora è fuori da tutto. Il concetto è mantenere la nostra forza dimostrata in campagna elettorale anche in Provincia. Non è una tentazione personale, Carturan vuole riportare Cisterna a un ruolo primario anche in provincia”, ha detto il sindaco.

“Ora siamo fuori da ogni cosa, l’idea di porre la mia persona era per avere unità della città coinvolgendo anche l’opposizione per rientrare nell’ambito degli interessi provinciali. Lì ci sono grossi interessi, non interessi personali, ma strade, rifiuti, incontri, una catena di interessi senza confini”.

“Ho appreso che alcuni nostri consiglieri preferiscono votare quello di Spigno Saturnia del proprio partito piuttosto che Carturan. Se la condizione è creare un mostro che faccia da porta acque, non mi interessa. A Cisterna interessa portare di nuovo grandi opere in città e metterla al centro della provincia.  Come al solito nostro paese ha espressioni piccole piccole della politica che non badano a interessi personali”.

“Non ci saranno mie candidature in nessun partito. Ringrazio UDC, Lega, FdI, Lega ma è quadro diverso. Un segretario di partito non mi può dire di candidarmi nel mio partito ma i consiglieri devono votare Lega. Non è possibile, non ho nessun rammarico, io ho spiegato che Cisterna deve tornare al centro delle politiche provinciali ma senza rappresentanza non ci può andare”.

Tradotto i fatti sono andati nel seguente modo: ci sono stati contatti tra la Lega e Mauro Carturan affinché Carturan potesse essere posizionato nelle liste della Lega per le prossime elezioni provinciali del 31 marzo. 

Ma la Lega ha preteso che Carturan si trovasse da solo i voti, non potendo contare su quelli del suo partito, proiettato verso l’elezione di un suo esponente, probabilmente il coordinatore provinciale Matteo Adinolfi. E lo stesso Carturan non ha evidentemente trovato l’appoggio della sua stessa maggioranza, con gli esponenti Lega determinati a votare il coordinatore provinciale piuttosto che il suo sindaco.

A detta di Carturan per Cisterna è stata un’occasione persa. Difficilmente infatti i consiglieri di Cisterna troveranno spazio in una delle liste con la possibilità di essere eletti.