consiglio provinciale Latina

La Provincia di Latina si prepara senza fretta alle elezioni provinciali. Il mandato del consiglio attuale scade infatti a gennaio 2019 ma il presidente Carlo Medici non ha nessuna fretta di convocare le operazioni di rinnovo. Infatti dal momento in cui scade il mandato, la legge stabilisce che ci sono 90 giorni di tempo. Dunque si potrebbe andare al voto entro i primi di aprile. 

Il presidente della Provincia intende aspettare che il consiglio comunale di Cisterna torni pienamente in carica. Per far sì che questo avvenga bisogna attendere l’esito del voto del 6 gennaio 2019 nelle 4 sezioni indicate dal Tar, e se Carturan non fosse riconfermato sindaco al primo turno, il ballottaggio è già fissato al 20 gennaio. 

Insomma, al più tardi il 21 gennaio Cisterna uscirà dal commissariamento e tutti i comuni della provincia avranno speranza di essere rappresentati nel prossimo consiglio provinciale. Si tratta infatti di elezioni di secondo livello, dove si candidano e possono votare solo consiglieri comunali e sindaci. Servono più ai partiti per testare la reciproca forza che non ai cittadini. 

“Non abbiamo nessuna fretta – ha commentato in proposito il presidente Carlo Medici – vedremo in base alle tempistiche e sceglieremo in base alle cose da fare”. 

Come dire, la Provincia in questo momento ha altro a cui pensare.