presentazione-programma-politico-M5S-Formia

Sono state illustrate ieri mattina le proposte programmatiche del Meet Up Formia, in materia di politiche giovanili, sportive e culturali in vista delle prossime elezioni amministrative. Per l’avvocato Angela Puzone e il candidato sindaco alle elezioni del 10 giugno a Formia, Antonio Romano, il cambiamento della città può esistere. Deve partire da una più attenta riorganizzazione e rivalutazione delle realtà formative, associative, archeologiche del territorio. Il compito del prossimo ente comunale sarà essere quello di alleviare il disagio giovanile a Formia. Una condizione causata da fattori culturali, ambientali e insuccessi scolastici che aumenta a sua volta i fenomeni di bullismo, di consumo delle sostanze stupefacenti e di prostituzione minorile.

“Per arginare il disagio giovanile diffuso – ha affermato l’avvocato Angela Puzone – abbiamo bisogno dei cosiddetti precettori, persone in grado di offrire supporto psicologico all’adolescente. In tal caso è fondamentale l’ausilio della scuola e delle associazioni, le uniche in grado di portare fuori il ragazzo da un possibile circolo di delinquenza.”

“Le politiche sociali del Comune – ha continuato il candidato sindaco M5S, Antonio Romano – devono creare degli spazi aggregativi, definendo al meglio i rapporti con la scuola e l’associazionismo. Lavorare con le associazioni significa sviluppare delle capacità, abituarsi a raggiungere degli obiettivi e accettare i fallimenti.”

Il Meet Up Formia ha dunque proposto una linea guida che vuole integrare percorsi culturali e didattici sui minori attraverso l’educazione civica. Attualmente il problema più evidente a Formia è proprio quello di avere strutture vecchie o abbandonate dove far divertire i ragazzi. Basti pensare al campo di calcio nella frazione collinare di Castellonorato, che potrebbe essere rimodernato grazie a un’ordinaria manutenzione.

“Disponiamo inoltre di un prezioso teatro, l’Auditorium Vittoria Foa, chiuso per una questione fittizia – ha fatto presente Antonio Romano – perché non risulta più valido il documento antincendio. Non tenere aperta un’area che può essere utile alla città è la risposta della Giunta comunale precedente a come intercettare il disagio giovanile.”

Al fine di evitare il ripetersi di una simile situazione, il M5S richiama all’ordine il principio della trasparenza. Sia per gli spazi da recuperare e sia per le attività comunali sarà necessario ricorrere a dei bandi che prevedono l’acquisto di punteggi obiettivi, tra i quali la competenza dei soci di un’associazione. L’accessibilità a nuove strutture dovrà essere di 365 giorni l’anno e non in alcune occasioni. “E’ la politica di gestione degli spazi a Formia che è sbagliata – ha precisato il candidato sindaco M5SUna struttura pubblica comunale è della città sempre.”

Tanti i progetti a medio e lungo termine che potrebbero valorizzare le bellezze storiche, archeologiche e culturali della città. Ad esempio la trasformazione di un’ ex ufficio postale a Castellonorato in una biblioteca o “Museo Contadino.” E ancora la messa in sicurezza della “Porta Aurea”, in località Palombara. Oppure la nascita di una rassegna musicale in memoria di Pino Daniele, formiano d’azione.

Uno dei punti cardini del programma elettorale del M5S riguarderà anche l’attenzione a sport minori, con iniziative che non solo faranno crescere i ragazzi, ma anche l’immagine di Formia. Il senso di appartenenza alla comunità, secondo i pentastellati, potrebbe essere rafforzato con un’altra edizione delle “Notti di Cicerone” o con eventi religiosi antichi che riportino in piazza la vera cultura formiana.