sabato 3 Dicembre 2022

Elezioni 2021: Bottoni illustra il PLRRRR

PLRRRR, Piano Latinense di Ripresa, Resilienza e Ripartenza per la Rinascita, è il titolo che il candidato sindaco di Latiana Antonio Bottoni ha dato al suo programma elettorale presentato ieri sera, sia in presenza presso l’hotel Europa che in diretta Facebook.

Dipendente del Ministero dell’Interno, ma prossimo alla pensione, Bottoni ha deciso di dedicare alla sua città il tempo libero che avrà a disposizione nel tentativo di migliorare la qualità di vita dei residenti a partire dalla sua.

Ho iniziato col pormi una domanda: Cosa possiamo fare tutti noi per Latina? – ha iniziato così il suo intervento il candidato – Possiamo, tutti insieme, rimboccarci le maniche e darci da fare, mettere a disposizione le competenze e la professionalità di ciascuno e coinvolgere la cittadinanza nel piano di riqualificazione, sotto tutti i punti di vista, della città. Lavorare perché Latina torni ad essere bella ed esaltante come era un tempo, come io l’ho conosciuta nei tempi passati e che ancora non mi capacito del perché sia andata così via via degradando“.

In quanto dipendente pubblico, per 42 anni, Bottoni è convinto che il compito di un’amministrazione è quello di fare il meglio per la collettività che si trova a gestire, ed “è arrivato, dunque, il momento di mettere la parola fine allo scempio a cui abbiamo assistito fino ad oggi e far tornare Latina una città normale. Parlo egoisticamente anche come cittadino, perché io per primo vivo la città“.

Il nome dato al programma richiama il Pnrrr del Governo anche perché l’intenzione è di sfruttare le risorse messe a disposizione dal Piano per la ricostruzione di Latina.

Un programma ambizioso ma di lunga durata, se messo in atto, che parte dalle cose più semplici ed immediate come: la cura del verde pubblico e delle strade con interventi quotidiani, per poi pensare anche alle esigenze fisiologiche delle persone con la realizzazione dei bagni pubblici.

Un piano regolatore con un quadro di iniziative su cui lavorare nel tempo, con una particolare attenzione per l‘ecologia e delle aree di cui prendersi cura.

Chi non conosce le mie battaglie poi per le questioni cimiteriali? – continua Bottoni – E’ allucinante ciò che sta avvendendo in questo campo a tutto beneficio per il gestore del cimitero e senza alcuna tutela per i cittadini. Si tratta di una questione da affrontare a muso duro perché sono in ballo interessi milionari“.

Nel programma è previsto anche un intervento sul servizio di trasporto pubblico, “per cui sono stati fatti gli stessi errori dell’amministrazione precedente a quella attuale” e poi l’insediamento di altri commissariati di polizia per potenziare il controllo e la sicurezza della città.

Ovviamente, altro punto dolente è la viabilità, dove è già stato fatto uno studio per limitare l’elevato rischio di incidenti attuale, ed è stata illustrata anche l’idea di creare parcheggi sotterranei.

A ciò si collega l’offerta turistica e culturale: “Noi siamo nella ‘non offerta’ – denuncia Bottoni -. Qui non si fa nulla per attrarre turisti ma neanche per i giovani e non giovani residenti. Il Teatro Comunale è chiuso ormai da oltre cinque anni; abbiamo un centro storico assolutamente morto, mentre in qualsiasi altra città è animato con varie attività culturali e commerciali; la rete museale è stata del tutto trascurata“.

Altro obiettivo messo in programma dal candidato sindaco di Latina è il ripristino della scala delle poste centrali è chiaro che sarà un falso storico, ma sarà una copia fedele di quella originale“.

E poi, conclude: “In tutte queste cose noi ci crediamo e siamo seriamente intenzionati a metterle in pratica, perché siamo persone serie che una cosa la dicono una sola volta, perché alla seconda la mettono in atto. Non facciamo promesse diluite in cinque anni, per richiedere altri cinque anni di tempo per mantenerle. Io ho pronta già la frusta, che userò prima di tutto su me stesso!“.

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img