Roberto-Lessio
Roberto Lessio

Il Comune di Latina non aveva i soldi per comprarsi le quote di Ecoambiente, e anche se ce li avesse avuti, non intendeva comprare una società che gestisce una discarica che il Comune vuole chiudere definitivamente dopo la bonifica. “È come se ci fossimo comprati una macchina vecchia, pericolosa, con la revisione scaduta, dopo che noi stessi l’avevamo fermata quella macchina”, questo il paragone fatto dall’assessore all’Ambiente Roberto Lessio.

Nello specifico, l’assessore ha spiegato che: “Il Comune dal fallimento di Latina Ambiente non può recuperare più nulla, i soci originari sono fuori e lo saranno per sempre, si recuperano i soldi per i creditori”. E ancora: “Il Comune doveva tirare fuori non si sa bene da dove, 2 milioni di euro per l’asta. Abbiamo il bilancio risicato all’euro e questi soldi ce li dovevamo inventare, e per far cosa? Acquistare una piccola maggioranza di un’azienda che attualmente non ha nessuna attività proprio per le iniziative che porta avanti il Comune e il mio assessorato in particolare. L’amministrazione sta imponendo, a prescindere dalla proprietà, la chiusura della bonifica dell’inquinamento in corso – ha aggiunto Roberto Lessio -. C’è un processo per questo motivo e noi siamo parte civile. Da questo punto di vista confermiamo la nostra impostazione”.

In sostanza il Comune di Latina intende mantenere chiusa la discarica di Borgo Montello, ma questa è una decisione che spetta alla Regione Lazio.