di Redazione – E’ allarme lingua blu in Ciociaria, la contagiosissima malattia che infetta i ruminanti si è diffusa nel frusinate uccidendo un centinaio di ovini. Sono già gravi i danni al settore zootecnico e c’è preoccupazione anche per gli allevamenti pontini e romani.

Infatti il fenomeno sarebbe in espansione e allarmato il presidente della Cia di Frosinone e Lazio, Ettore Togneri, ha chiesto un incontro urgente con il prefetto Emilia Zarrilli e con l’assessore regionale all’Agricoltura, Sonia Ricci. “E’ urgente – spiega – fare luce su una situazione che sta arrecando gravi danni agli allevatori, senza che ci sia alcuna certezza sulla possibilità di risarcimento per le tante aziende danneggiate”.

Togneri punta il dito contro la carenza di vaccini che non basterebbero per un piano di prevenzione adeguato e completo. “La tempestività – aggiunge Togneri – è d’obbligo per evitare al settore zootecnico, già duramente colpito dalla crisi dei consumi e dal crollo dei prezzi, un ulteriore e duro colpo che per moltissime aziende del settore rischia di rivelarsi fatale”.