lunedì 17 Giugno 2024
spot_img

Droga: operazione Ade dei carabinieri, le sentenze del processo per direttissima

Operazione “Ade”: Sentenze e Dettagli sulle Truffe agli Anziani nel Sud Pontino

Cinque persone coinvolte nell’operazione “Ade” sono state condannate per la loro partecipazione a un’organizzazione dedita allo spaccio di ingenti quantitativi di droga. L’operazione, condotta lo scorso maggio, ha smantellato una rete di traffico di hashish, marijuana, cocaina e amnesia operante a Latina, Priverno e nei Monti Lepini.

Dettagli delle Indagini

Le indagini, avviate dai carabinieri del Nucleo Operativo e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, hanno portato alla luce un gruppo criminale con una disponibilità quasi illimitata di sostanze stupefacenti. Gli imputati, che hanno optato per il rito abbreviato, sono stati giudicati dal Tribunale di Roma, con il giudice Gaspari che ha accolto le richieste del pubblico ministero della DDA, Luigia Spinelli.

Condanne Inflitte

Il 52enne Fabio Nalin è stato condannato a 15 anni di carcere, ricevendo la pena più severa. Massimiliano Frattarelli ha ricevuto una condanna a 7 anni e otto mesi, mentre Antonio Zuccaro è stato condannato a 8 anni e sei mesi. Entrambi sono stati ritenuti colpevoli di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Condanne più lievi sono state inflitte a Cesare Panici (2 anni e 2 mesi) e Emiliano Fedeli (3 anni e 8 mesi). Inoltre, due imputati hanno patteggiato le loro pene.

Processo Ordinario per Altri Imputati

Pietro Canori ed Enrico Di Fazio hanno scelto il rito ordinario e sono stati rinviati a giudizio. Il loro processo è previsto per il 27 settembre davanti al primo collegio penale del Tribunale di Latina.

Origine dell’Inchiesta

Le indagini sono iniziate grazie alla denuncia di un uomo di Priverno, ex membro dell’organizzazione, che aveva ricevuto minacce di pagamento di 1500 euro o la richiesta di continuare a collaborare nell’attività di spaccio nei Monti Lepini. Le informazioni fornite dall’informatore sono state cruciali per smantellare il gruppo criminale e risalire ai principali protagonisti della rete di spaccio.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img