carabinieri latina

Operazione congiunta dei carabinieri di Gaeta che, con l’aiuto dei colleghi di Marano di Napoli, hanno arrestato tre persone.

A loro carico un provvedimento emesso dal G.I.P. dal tribunale di Cassino per il reato di associazione finalizzata alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Al centro della vicenda una coppia di coniugi originari della provincia di Napoli, 31 anni lui, 28 lei, e un giovane, di appena 20.

L’indagine, condotta dai militari di Gaeta, si è articolata nei mesi che hanno preceduto il lock down, tra ottobre 2019 e febbraio 2020.

Un periodo durante il quale i carabinieri pontini hanno potuto documentare la modalità con la quale gli arrestati rifornivano di droga gli spacciatori dell’area del golfo di Gaeta. Una distribuzione “porta a porta”, fatta spostandosi con la propria autovettura e portandosi appresso i figli minori, per non destare sospetti.

Alla fine sono stati sequestrati 73,82 grammi di cocaina, 5 di hashish, 3,85 di crack, 55 di mannite, un bilancino di precisione e materiale utile per il confezionamento.

Nel gennaio del 2020 il 31enne era già stato arrestato per resistenza a p.u. e   detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti mentre, nell’ottobre 2019 il giovane era stato denunciato “piede libero” per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine ha inoltre permesso ai carabinieri di segnalare 16 persone per possesso ad uso personale di sostanza stupefacente. 

Al termine delle formalità di rito, i due uomini verranno associati rispettivamente presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale, e quella di Cassino. La donna sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.