martedì 31 Gennaio 2023

Droga, è allarme eroina anche tra i più giovani. Modavi: dramma sociale

di Redazione – “Il consumo di eroina tra i più giovani è diventato un fenomeno di emergenza sociale”. È quanto afferma Maria Teresa Bellucci, Presidente del MODAVI, il Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano, commentando i risultati di uno studio condotto dal CNR di Pisa.

L’indagine, realizzata dal Reparto di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche della città toscana, ha riguardato 45.000 studenti delle scuole superiori e 516 istituti scolastici in tutto il Paese, fornendo cifre decisamente preoccupanti. Sono, infatti, 36.000 gli studenti tra i 14 ed i 19 anni che hanno assunto eroina e/o altri oppiacei almeno una volta nella vita, e 16.000 quelli che l’hanno consumata almeno 10 volte nell’ultimo mese.

Non si può fare a meno, dunque, di interrogarsi su cosa spinga “in massa” i giovani verso le droghe pesanti. “La nuova diffusione di eroina tra i ragazzi – la risposta della Bellucci – a cui stiamo assistendo negli ultimi anni, certamente, è collegata non solo alla crisi economica mondiale ma, soprattutto, alla crisi dei valori: l’insicurezza, la precarietà e un futuro pieno di incertezze, suscitano tra i giovani un senso di impotenza e angoscia esistenziale che cercano di contenere o annullare, solo apparentemente, attraverso l’uso di sostanze stupefacenti”.

Il compito di associazioni, adulti, mass media ed istituzioni è, per la Presidente del MODAVI, quello di “dare messaggi chiari ed efficaci che non disorientino i giovani, affermando che la droga sempre, senza se e senza ma, fa male e rende schiavi. Altresì le Istituzioni hanno il dovere di fornire opportunità in grado di rispondere concretamente ai bisogni dei giovani, attraverso la promozione di luoghi e attività in cui si abbia la possibilità di imparare, sperimentare e diventare i migliori adulti di domani”.

MODAVI, INTERVISTA ALLA NEOPRESIDENTESSA BELLUCCI: SOSTENIAMO LE PERSONE POCO TUTELATE

CORRELATI

spot_img
spot_img