mercoledì 18 Maggio 2022

Disabilità gravissima, 240 milioni dalla Regione per i Piani di zona

La Regione Lazio ha rifinanziato i Piani di zona con 240 milioni di euro. Si tratta di quei particolari programmi grazie ai quali i Comuni insieme ad Asl e realtà associative realizzano interventi sociali mirati per migliorare la vita delle persone con disabilità gravissima. Tra questi rientrano le persone che soffrono di Alzheimer e le loro famiglie.

Per la prima volta, la Regione ha deciso di suddividere i fondi a disposizione in base al fabbisogno di servizi sociali espresso dai territori, e non più in base a quanto era stato speso in passato. In questo modo, il Lazio ottimizza la spesa e la focalizza su necessità precise.

“Con un investimento di 240 milioni – ha detto l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Welfare, Beni Comuni e Asp Alessandra Troncarelli –, rispondiamo a una domanda sociale importantissima, perché riguarda il diritto di tutte e tutti di vivere una vita serena e libera. Abbiamo coinvolto direttamente i territori, chiedendo alle persone di dirci quali sono le loro reali necessità. È una piccola rivoluzione, perché siamo partiti direttamente dai bisogni, puntando sui servizi e sulla rete di professionalità presenti. Persone con disabilità gravissima, anziani e famiglie sono sempre al centro delle politiche regionali, perché l’obiettivo è costruire un vero senso di comunità in cui istituzioni, associazioni, cittadini sono dalla stessa parte. In particolare, in questo momento ancora segnato dalla pandemia e dalle sue conseguenze. Abbiamo il dovere di unirci e collaborare per non lasciare indietro nessuno”.

I fondi a disposizione copriranno il triennio 2021-2023 e sono destinati ai distretti socio-sanitari della regione. In particolare 190 milioni di euro sono finalizzati proprio al sostegno delle persona con disabilità gravissima e di chi soffre di Alzheimer, in entrambi i casi è necessaria infatti assistenza continuativa. Ma a essere valorizzati saranno anche i progetti di Vita Indipendente, si tratta di particolari progetti che puntano a creare le migliori condizioni per aiutare la persona con disabilità complessa a vivere in autonomia. In pratica viene costruito un intervento a misura di persona, affinché con l’aiuto di un assistente, il disabile possa riuscire a essere il più possibile autonomo, andando così a gestire la cura della propria persona, la vita domestica e il tempo libero. Con i fondi saranno finanziati anche misure a sostegno delle politiche per la famiglia, per assicurare condizioni di vita migliore a bambini e ragazzi i difficoltà, come ad esempio l’affido familiare.

Con gli altri 48 milioni, già a disposizione dei distretti, saranno potenziati i servizi, dando così continuità, tra i vari, al servizio sociale professionale, agli interventi di pronta accoglienza, alla permanenza della persona nel proprio contesto di vita, ai servizi di residenzialità che riproducano il più possibile le condizioni di vita familiare e garantiscano il collegamento con la comunità di riferimento.

CORRELATI

spot_img
spot_img