martedì 28 Giugno 2022

Desirée, la Procura insiste: “Per noi le accuse non cambiano”

“Il quadro accusatorio non cambia di una virgola”, questa l’affermazione che arriva dalla Procura di Roma in merito al pronunciamento del Riesame che ha fatto cadere l’accusa di omicidio volontario e di stupro di gruppo per due dei 4 indagati per la morte di Desirée. 

“Siamo ancora nella fase degli indizi – spiegano dalla  Procura -, e quindi è giusto che il tribunale faccia le sue valutazioni. Aspettiamo di conoscere le motivazioni del provvedimento. Il nostro quadro accusatorio peoò non cambia di una virgola. Anzi”.

Il Riesame per il momento non parla neppure di un reato quale ad esempio la “morte in conseguenza ad altro delitto”, mentre per quel che riguarda la violenza sessuale rimane l’accusa di abuso aggravato dal minore età.

Domani il Riesame è chiamato a pronunciarsi sul terzo arrestato,  Mamadou Gara, ma a questo punto si attende un esito simile a quello odierno.

Sempre domani sarà interrogato in carcere Marco Mancini, il pusher di 36 anni accusato di aver ceduto sostanze stupefacenti a persone che frequentavano lo stabile di Via dei Lucani a San Lorenzo, dove è morta la 16enne di Cisterna.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo è parte della redazione di LatinaQuotidiano dal 2014. Qui ha alimentato la sua passione per il giornalismo, l'informazione e il web. Nei suoi studi figurano una laurea in Editoria Multimediale e Nuove Professioni dell'Informazione e un master in Web & Social Media Marketing.

CORRELATI

spot_img
spot_img