Quando è arrivato al cantiere navale di Ostia, completamente smontato e su un rimorchio, anziché in mare, non erano in molti a pensare che un giorno sarebbe tornato in mare. Invece quel giorno è arrivato. Stiamo parlando dello yacht appartenuto a David Bowie, mito della musica Art rock‎, ‎Glam rock e ‎New wave, scomparso nel 2016 all’età di 69 anni.

Il progetto, e poi la realizzazione, sono stati affidati ai cantieri Rizzardi, orgoglio della cantieristica navale pontina. “Il refit di megayacht come questo – dichiara Corrado Rizzardi, direttore commerciale della Blue SRL, società che si è occupata del restauro – vuol dire creare opportunità di lavoro per molte aziende esterne al cantiere. Su questo refit hanno lavorato circa 50 operai esterni alla nostra azienda. Siamo entusiasti anche perché nonostante l’emergenza sanitaria, grazie alle nostre maestranze qualificate, siamo riusciti a rispettare i tempi di consegna. Questo è stato possibile grazie alla sinergia tra aziende romane del settore coordinate dal direttore tecnico Alessandro Gioia“.

Deneb Star, questo il vecchio nome dell’imbarcazione (ora ribattezzata El Caran dal nuovo armatore romano) è un Benetti di quasi 40 metri ed è arrivato ai cantieri di Ostia nel 2018.
“Oltre al rifacimento di tutto il teak dei ponti superiori ed alla sabbiatura dell’esterno dell’imbarcazione – continua Rizzardi – è stata inserita un’elica di prua per agevolare le manovre. Restayling completo anche per gli interni con 9 nuovi bagni, rifacimento della tappezzeria con stoffe pregiate sia per interni che per esterni, nuovo look anche per mobili e celetti”.
Insomma, della barca da sogno sulla quale chissà quante star hanno soggiornato e festeggiato, resta la storia. Una storia che prosegue grazie al lavoro ed alla competenza di chi della nautica ha imparato a fare un’arte, oltre che un lavoro.