Matteo Adinolfi, coordinatore provinciale della Lega e candidato alle elezioni europee, interviene – in piena campagna elettorale – per attaccare l’amministrazione comunale sul degrado urbano.

“Nonostante tutte le segnalazioni che hanno riguardato i lavori per la fibra ottica – ha detto – ancora a distanza di mesi ci troviamo davanti quartieri interamente sventrati e strade lasciate alla mercé di rattoppi frettolosi. Un caso tra tanti è quello della zona Cucchiarelli, dove nel tempo si sono alternate diverse squadre di operai, peggiorando di volta in volta la situazione a discapito della sicurezza e del decoro del quartiere.

Sono eloquenti le immagini che mi hanno inviato molti cittadini della zona, preoccupati dello stato di abbandono del quartiere e del fatto che da diverse settimane, per non dire mesi, tutto sia fermo, con strade solcate da pericolose voragini a cielo aperto segnalate alla meno peggio e marciapiedi devastati, dove è pericoloso anche solo avvicinarsi.

Un fatto grave, che conferma ancora una volta la disattenzione e il pressappochismo dimostrati dal sindaco Coletta e dai suoi assessori, impegnati più ad autoincensarsi che a lavorare per il bene comune della nostra città”.

Quindi mette a segno la stoccata finale: “Ecco perché – ha spiegato – il 26 maggio il voto alla Lega sarà un voto di buonsenso per la città di Latina e per i suoi abitanti, che potranno così manifestare con forza, se ancora ce ne fosse bisogno, tutta la loro delusione e la loro contrarietà per come è amministrata oggi Latina.

Dal canto mio posso assicurare che in Europa, come è stato finora dai banchi dell’opposizione a Latina, non verrà mai meno l’impegno, l’amore e la cura per la nostra città e la nostra terra: per questo motivo non posso esimermi dal formulare un pressante invito al sindaco di ripristinare immediatamente le condizioni di sicurezza in quel quartiere come in tutto il resto del territorio comunale”.