Home Cronaca Degrado al cimitero di Borgo Montello, Latina nel Cuore: “Cittadini esposti al...

Degrado al cimitero di Borgo Montello, Latina nel Cuore: “Cittadini esposti al pericolo”

0

Sono Vincenzo Zaccheo, Dino Iavarone – Capogruppo Latina nel Cuore, Mario Faticonim Renzo Scalco e Fabrizio Mattioli, responsabile dei Borghi Nord per Latina nel Cuore a segnalare all’Amministrazione lo stato di degrado del cimitero di Borgo Montello. “Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte dei cittadini di Borgo Montello e Le Ferriere, i quali ci hanno interpellato per sottoporci la vergognosa situazione in cui versa il cimitero situato tra i due Borghi. Tra le diverse problematiche – spiegano – vi è innanzitutto una totale mancanza di manutenzione ordinaria sia all’esterno che all’interno della struttura: le pareti del cimitero e di numerose cappelle sono quasi del tutto sgretolate, cadenti, e in più punti sono presenti pericolosi e taglienti pezzi di ferro arrugginito che fuoriescono dalle mura. Per non parlare dei soffitti e del pergolato, ormai privi di una guaina adeguata e pertanto sempre più pericolanti a causa delle infiltrazioni d’acqua: una situazione disastrosa alla quale alcuni abitanti hanno cercato di porre rimedio personalmente pagando di tasca propria per installarne di nuove, una soluzione d’emergenza che di certo non può sostituire un lavoro a monte che appare quantomai necessario.
Inoltre, ennesima situazione di degrado si registra anche lì dove vengono deposte le salme, una zona che necessiterebbe di un impianto di climatizzazione – oltre che di pulizia e igiene – e che invece versa in uno stato di totale abbandono e incuria: come se non bastasse, quando le temperature si alzano nei mesi estivi, il cattivo odore permea le aree limitrofe, divenendo insopportabile per tutti coloro che si recano nella struttura.
Quello che una volta era un cimitero ben tenuto e organizzato ha visto il suo declino acuirsi in pochi anni. Coloro che desiderano visitare i propri cari scomparsi vengono esposti quotidianamente al pericolo, obbligati ad entrare in cappelle pericolanti con il rischio che un pezzo di muro possa venire giù da un momento all’altro – tanto che molti di loro stanno addirittura meditando di rimuovere le salme per cremarle e riportarle a casa, vendendo la propria cappella di famiglia. Una situazione indecorosa e deplorevole che ha generato già numerose richieste d’aiuto in passato alle quali – come sempre accade – l’amministrazione Coletta non ha dato alcuna risposta: cosa aspetta l’Ente di Piazza del Popolo per risolvere questa situazione? Gli abitanti dei Borghi meritano rispetto e il Comune deve fare tutto ciò che è in suo potere per dare finalmente dignità ai loro defunti”.

Exit mobile version