Home Blog Dati Censis, anziani e famiglie rinunciano alle cure sanitarie: bisogna varare un...

Dati Censis, anziani e famiglie rinunciano alle cure sanitarie: bisogna varare un nuovo welfare

0

di Ivan Simeone – La “Confartigianato ANAP”, il sindacato della terza età, lancia l’allarme sanità. Dai dati Censis la situazione è alquanto triste e allarmante. La spesa sanitaria privata è 500 euro pro capite. Il 53% degli italiani dichiara che la copertura dello Stato sociale si è ridotta. Troppo lunghe le liste d’attesa nella sanità pubblica e costi proibitivi in quella privata. Per questo in Italia quasi una famiglia su due rinuncia alle cure. Nel 41,7% delle famiglie almeno una persona in un anno ha dovuto rinunciare ad una prestazione sanitaria. I cittadini, inoltre, pagano di tasca propria il 18% della spesa sanitaria totale: oltre 500 euro pro-capite all’anno, mentre nell’ultimo anno, al 32,6% degli italiani è capitato di pagare prestazioni sanitarie o di welfare “in nero”. Infatti, oltre il 21% dei pazienti ha pagato senza fattura o ricevuta visite medico specialistiche, il 14,4% visite odontoiatriche e l’1,9% prestazioni infermieristiche.

In Italia 3 milioni di persone non sono autosufficienti, con una spesa annua per le famiglie di circa 10 miliardi. Il 53,6% degli italiani dichiara inoltre che la copertura dello stato sociale si è ridotta. Come detto gli italiani pagano di tasca propria il 18% della spesa sanitaria totale, cioè, oltre 500 euro pro capite annuo, contro il 7% registrato in Francia e il 9% in Inghilterra, aggiungendo che 3 milioni di italiani non sono autosufficienti, con una spesa annua per le famiglie di circa 10 miliardi.

Confartigianato, con il proprio “segretariato sociale”, cerca di supportare l’anziano con piccoli sostegni. Tutti gli associati Confartigianato ANAP beneficiano (gratuitamente) di una copertura assicurativa di indennità da ricovero e, in automatico, sono associati a Previmedical, il circuito nazionale che permette di servirsi di prestazioni sanitarie e mediche private, a costi in convenzione. Sono piccole cose che aiutano. Certo vi è l’esigenza di una nuova azione sociale che assicuri maggiore tranquillità a chi a lavorato per una intera vita e alle famiglie.

Exit mobile version