asfaltare strade

Si chiude il cerchio sulle strade provinciali diventate di competenza della regione Lazio.

A gennaio si era concluso un analogo passaggio di consegne su alcune strade, tra cui la Pontina, che dalla regione sono andate ad Anas.

Si tratta di 654 chilometri per le quali cui Astral, in qualità di gestore della rete viaria regionale, ha già provveduto ad inviare le lettere di invito al fine di realizzare, entro  giugno, interventi di rifacimento dell’asfalto e ripristino della segnaletica.

L’importo degli investimenti iniziali, a fronte di 20 milioni totali, è pari a circa 3 milioni di euro.

I lavori riguarderanno in prima battuta tre strade in provincia di Latina, la Cisterna – Campoleone, la Velletri – Anzio e la 128 Taverna 50, tre strade in provincia di Frosinone la Piglio – Arcinazzo, la Filettino – Capistrello e l’allacciamento con lo stabilimento Fiat, tre in provincia di Viterbo, la Verentana/Marta, la variante Ronciglione e la Verentana – Capodimonte e due in Provincia di Rieti il raccordo 57 svincolo Soratteela strada Selvapiana.

“Il passaggio di competenze delle strade provinciali, insieme ai circa 680 chilometri di strade regionali già trasferite ad Anas, garantirà – spiega l’assessore regionale ai lavori pubblici, Mauro Alessandri – una continuità territoriale e di gestione delle infrastrutture viarie presenti sul territorio regionale. Entro la fine dell’anno la Regione Lazio investirà circa 20 milioni di euro per interventi di manutenzione e messa in sicurezza della rete stradale acquisita”.

Chi ben comincia è a metà dell’opera.

Ma la regione Lazio in questi anni non ha proprio brillato per quanto riguarda la manutenzione ordinaria e straordinaria della rete infrastrutturale.

La Pontina e lo stato di degrado in cui versa sono la dimostrazione di come spesso alle parole e ai buoni intenti non seguano i fatti.