Dal Forum 015 proposte politiche sulla famiglia in un documento diretto ai candidati

Forum 015
Vincenzo Serra, Nicola Tavoletta, Ivan Simeone, Lidano Lucidi e Edy Bellezza del Forum 015

Il Forum 015 entra a modo suo in campagna elettorale. L’associazione composta da Cisl Latina, Confartigianato Imprese Latina, Confcooperative, Compagnia delle Opere di Roma e Lazio e Acli pur non volendo assumere la forma di un’organizzazione politica, ha presentato oggi alla stampa un documento del quale intende discutere con chi si candiderà a sindaco. Il primo a smorzare dubbi su qualsiasi ingresso in politica è Ivan Simeone, direttore di Confartigianato. “Notizie riguardo una mia ipotetica candidatura non esistono – ha esordito -. Nessuno di noi del Forum si presenterà alle elezioni. Il nostro ruolo è dirigere le associazioni che rappresentiamo”. Tuttavia il Forum 015 punta ad essere un interlocutore della politica, e lo fa presentando un documento programmatico che mette al centro la famiglia in 15 punti concreti illustrati da Ivan Simeone. Tra di essi figurano l’istituzione di un osservatorio permanente sulle politiche familiari, la creazione di fondi di microcredito per aiutare i nuclei in difficoltà, l’introduzione di un quoziente familiare per regolare la tassazione, forme di sostegno alle cooperative socio-assistenziali anche avvalendosi di fondi europei, il sostegno di politiche educative, favorire l’inclusione sociale degli anziani e il contrasto al gioco d’azzardo.

“Abbiamo evidenziato che sulla scena politica non ci sono proposte di sviluppo del territorio, ma solo un rincorrersi di nomi e percentuali – ha spiegato ancora Ivan Simeone – . Mancano proposte per risolvere problemi. Con questo documento chiediamo un confronto con le forze politiche. Per noi è fondamentale che la famiglia torni al centro insieme al concetto di sussidiarietà. Vogliamo un assessorato alle politiche familiari che comprenda servizi sociali e istruzione”.

“Noi non vogliamo visibilità per noi stessi ma per i valori delle associazioni – ha detto invece Edy Bellezza di Confcooperative – Bisogna mettere al centro la famiglia, nucleo valoriale ed economico della società. Noi vogliamo fare qualcosa di diverso dalle iniziative elettorali, vogliamo dare visibilità alle idee”.

Da Lidano Lucidi della Compagnia delle Opere arriva un nuovo richiamo per includere la famiglia nell’organizzazione delle politiche sociale. Si tratta di una necessità visto che le famiglie si sono sostituite allo Stato nel loro ruolo assistenziale. “La famiglia è il primo nucleo dell’organizzazione vitale”, ha detto invece Nicola Tavoletta delle Acli. Tre sono i fattori su cui dovrebbe concentrarsi la politica secondo il responsabile delle Acli: la casa, l’educazione e la salute. “Oggi c’è un vuoto di autorevolezza nella politica. Non esistono più i partiti che hanno una storia – ha argomentato Nicola Tavoletta – Noi siamo qui da anni e vogliamo prendere per mano la politica e chiedere di ragionare su questi temi. Vogliamo avere ruolo di orientamento. Ci interessa il mandato che è quello di tutelare la famiglia”.

L’ultimo a intervenire è stato Vincenzo Serra, esponente della Cisl, che si è concentrato sulla necessità di contrastare il gioco d’azzardo e sull’opportunità di istituire fondi di microcredito per aiutare le famiglie in difficoltà. Le associazioni del Forum 015 sono pronte a dare il loro contributo: “Dare segnali e non fare chiacchiere, questo per noi è importante”, ha spiegato Serra.

“Il nostro è un progetto che guarda lontano”, ha concluso Ivan Simeone. Adesso il testo preparato dalle associazioni del Forum 015 entro un mese sarà presentato ai vari candidati sindaci. L’obiettivo è raccogliere consenso intorno alle iniziative e avviare una concertazione con i futuri amministratori di Latina e degli altri comuni della Provincia intorno ai temi sociali.

SHARE