Comune Latina bandiera strappata

Progetti innovativi di valorizzazione e gestione.

Sono quelli che verranno messi in campo in cinque immobili ricadenti nel comune di Latina.

Si tratta della ex scuola via milazz.

Le strutture e il progetto sono contenuti in una delibera approvata dalla giunta guidata dal sindaco Damiano Coletta.

Su questi immobili, ciascuno con una storia diversa, saranno realizzati studi di fattibilità, sviluppati con la collaborazione dell’Urban Center e il coinvolgimento degli attori sociali territorialmente interessati, attraverso laboratori cittadini di analisi e immaginazione dedicati agli spazi urbani, ai quartieri e alla città più in generale.

E’ da questi laboratori che verranno decisi gli utilizzi futuri degli spazi, obiettivi e modelli di gestione, anche attraverso il contributo di privati.

“Le Case del Quartiere sono dei luoghi riconosciuti dalle comunità come “beni comuni”- interviene l’Assessore Cristina Leggio – ovvero strutture nelle quali si possono connettere gli interventi di riqualificazione e i processi di trasformazione urbana con la crescita delle comunità locali, i luoghi con le storie e le persone. L’individuazione di questi primi 5 spazi è in continuità con centinaia di sollecitazioni pervenute da associazioni, consulte, gruppi, comitati e singoli abitanti”.

Il processo che accompagnerà la nascita delle Case di Quartiere fornirà quindi una risposta al bisogno di spazi di condivisione e permetterà di sostenere in modo diffuso la capacità dei cittadini di collaborare tra loro.

“L’amministrazione comunale di Latina si mette sulla scia di città come Torino e Bologna – conclude l’assessore Emilio Ranieri – sperimentando un approccio innovativo sia dal punto di vista della rigenerazione urbana che da quello della gestione degli spazi stessi. I processi di gestione condivisa sono quelli che consentono più di altri di usare in modo qualificato, efficace e sostenibile i luoghi della città”.