Test sierologici per l’identificazione degli anticorpi da Covid 19, al via seguendo le direttive della regione Lazio.

Il costo di riferimento dei test, a carico dei cittadini, è di 15,23 euro.

La Regione ha approvato il documento contenente l’elenco dei laboratori di analisi suddiviso per Asl dove è possibile effettuare i test e le sedi  ‘drive-in’ per l’esecuzione dei tamponi a carico del Servizio sanitario regionale (SSR).

Questi ultimi sono dedicati solo a coloro che hanno avuto un test positivo di sieroprevalenza.

I drive-in presenti sul territorio regionale e articolati per Asl di residenza sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 14 per l’esecuzione dei tamponi.

“Questo sistema consente di avere una mappatura di come il virus ha circolato, di avere tutti i dati inseriti a sistema e di sottoporre tempestivamente al tampone le persone asintomatiche risultate positive al test di sieroprevalenza. Ci siamo dotati – spiega l’assessore regionale alla sanità, Alessio D’Amato – di regole operative certe per consentire ai cittadini di accedere ad un percorso di esecuzione e registrazione del test sierologico. Nella seconda fase la parola chiave e’ ‘integrazione’ tra il test e i tamponi.
Dovremmo testare, tracciare e trattare“.

I laboratori di analisi dovranno sottoporre ai cittadini il consenso informato, che e’ condizione propedeutica indispensabile per l’esecuzione del test ed esporre con chiarezza al pubblico che l’indagine avviene secondo i criteri approvati a livello regionale e che prevede il ricorso alla ricerca delle IgG anti-Sars-CoV 2.

Per leggere la determina completa clicca qui: 2020-3612