di Redazione – Torna per la terza volta “Visioni Corte Film Festival”, la rassegna internazionale del cortometraggio indipendente organizzata dall’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse”, con il patrocinio di Regione Lazio, Provincia di Latina, Comune di Minturno, Roma Lazio Film Commission, Latina Film Commission, Fioff, Parco Riviera di Ulisse. Dal 14 al 18 ottobre i cortometraggi saranno protagonisti nel Castello Baronale di Minturno. E quest’anno c’è subito una novità: ci sarà spazio anche per i film di durata più lunga. Le proiezioni saranno invece suddivise in sette categorie: la fiction (italiana e straniera), l’animazione, il documentario, il videoclip, i corti realizzati dalle scuole e quelli confezionati a budget molto ridotti.

Ogni sera per cinque sere a partire dalle 20.45 saranno proiettati i corti finalisti suddivisi per categorie. In programma anche due “matinée”. Mercoledì 15 ottobre alle 11.20 nell’Aula Magna del Liceo Scientifico Leon Battista Alberti saranno proiettati i corti finalisti per la sezione CortoSchool, seguirà la premiazione. Giovedì 16 ottobre invece alle 10 si torna al Castello Baronale per l’evento “Visioni Sociali” in cui saranno proiettati quattro corti dal tema sociale, seguirà un dibattito con esperti e i realizzatori del filmati. Invece sabato 18 ottobre la mattina sarà all’insegna delle “Visioni archeologiche”, una visita guidata all’interno dell’affascinante area di Minturnae. In serata si terrà il gran finale: verranno proiettati i corti vincitori delle sei categorie e saranno assegnati i premi di miglior regia, miglior sceneggiatura, migliore fotografia, miglior attore e attrice protagonista. Ospite speciale della serata sarà l’attore, regista e sceneggiatore Gabriele Pignotta. Olter a una lunga carriera in teatro, è stato protagonista al cinema di “Ti sposo ma non troppo” con Vanessa Incontrata, e a scritto per Carlo Verdone “Sotto una buona stella”. Pignotta è stato già a “Visioni Corte”: nel 2012 vinse con “Primo giorni di primavera” nella categoria cortofiction.

La caratura internazionale della kermesse è data dall’alto numero di paesi rappresentati: Belgio, Brasile, Canada, Cile, Congo, Corea, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Italia, Kosovo, Lussemburgo, Polonia, Russia, Siria, Spagna, Turchia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti. In tutto sono in gara ben 70 corti. “Visioni Corte Film Festival – ha dichiarato il direttore artistico Gisella Calabrese – è un progetto con una grande ambizione: diventare un punto di riferimento internazionale per tutti gli amanti del cinema, coloro che i film li creano e quelli che vanno a vederli e, al contempo, diffondere la bellezza, la cultura e le tradizioni del Sud Pontino”. Il direttore ha espresso soddisfazione per il fatto che con questo Festival l’Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse”, varca i confini nazionali per giungere nel cuore dell’Europa e anche oltreoceano. “Il nostro principale obiettivo è quello di diffondere il talento di tanti giovani e meno giovani che si appassionano al mondo cinematografico, abbracciando ambiti diversi, per consentire libertà di interpretazione e creatività degli autori emergenti”, ha chiarito Gisella Calabrese.

INFO – www.visionicorte.it