mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Corruzione al Tribunale di Latina, troppe stranezze sul fallimento Mandara: ascoltata la titolare

di Redazione – Nello scandalo corruzione che ha travolto il Tribunale di Latina c’è una storia che più delle altre ha destato attenzione e curiosità. Si tratta del fallimento Mandara, un caseificio che il giudice Antonio Lollo dichiarò fallito, appunto, nel luglio 2014. È anche su questa vicenda che si sta concentrando la procura di Perugia.

E prima che i fascicoli di Latina fossero consegnati ai magistrati umbri, è stata ascoltata proprio Vanessa Mandara. La donna ha raccontato particolari strani, come il furto subito all’interno della sua auto dove sono stati portati via documenti e un mazzo di chiavi che permette l’accesso al capannone di Via del Lido. Proprio in quel sito avviene una scena degna di un film, già nota: Marco Viola si presenta per un sopralluogo con un acquirente (ignaro dei fatti) e un finto giudice per indurre il possibile compratore a partecipare a un’asta “pilotata”. Alla luce dei fatti e dello scandalo che ha travolto la sezione fallimentare del Tribunale di Latina i Mandara hanno impugnato la sentenza, convinti che non ci fossero i presupposti per far fallire l’azienda.

CORRUZIONE AL TRIBUNALE DI LATINA, LA VERITÀ DI VIOLA: IL COMMERCIALISTA INTERROGATO 4 ORE

SCANDALO AL TRIBUNALE DI LATINA, LOLLO AMMETTE: ALTRI GIUDICI SAPEVANO DEL SISTEMA DI CORRUZIONE

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img