mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Corridoio Roma-Latina, l’insolito asse tra Ialongo e Zottola: opera non più rinviabile

di Redazione – L’autostrada Roma-Latina continua a raccogliere di volta in volta aperture e chiusure. Stavolta a prendere la parola sono Giorgio Ialongo, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Comunale a Latina, e Vincenzo Zottola, in qualità di presidente di Rete Imprese Italia e Intesa P.M.I. Entrambi si dichiarano favorevoli alla realizzazione dell’opera.

La posizione dell’esponente di Forza Italia ricalca quella del governatore Zingaretti: l’opera non è più rinviabile. “Ad oggi chi si dichiara contrario alla realizzazione dell’autostrada Roma-Latina, opera che tra pochi giorni verrà aggiudicata, non si rende conto che ci troviamo di fronte ad un procedimento ormai avviato, che i soldi stanziati possono essere usati solo per quello scopo, e che senza l’autostrada non solo continueranno incidenti e vittime, ma la provincia è destinata a rimanere isolata e ad assistere impotente alla fuga di molte aziende in cerca di migliori condizioni infrastrutturali”, ha spiegato Ialongo. Per l’esponente azzurro la messa in sicurezza della Pontina sarebbe stata una soluzione giusta 20 anni fa. “Ora non si può tornare indietro e tutti devono sostenere questa importante battaglia”, continua Ialongo. “Quindi basta polemiche e ostruzionismo – conclude il capogruppo di Forza Italia -, non possiamo rinunciare all’autostrada come volano per lo sviluppo e la ripresa non solo di Latina, ma dell’intera regione”.

“Non tocca a noi esprimere giudizi di tipo politico sulle recenti affermazioni del Presidente pro tempore della Provincia di Latina. Tocca a noi, invece rimarcare non solo l’importanza, ma addirittura la necessità, della immediata realizzazione di un’opera di cui si attende da decenni la sua realizzazione e che solo le divisioni politiche e gli intoppi amministrativi hanno rallentato”. Questo il pensiero di Vincenzo Zottola, secondo cui la Roma-Latina è funzionale al rilancio del sistema produttivo perché accorcerebbe le distanze e ridurrebbe i tempo di percorrenza verso Roma e il suo interland. Inoltre, continua Zottola, l’opera per la quale Governo e Regione hanno già investito 1 miliardo di euro “Darebbe un impulso consistente al sistema economico e soprattutto turistico in quanto renderebbe facilmente raggiungibile le nostre coste, i nostri luoghi d’arte e le nostre bellezze storiche e naturalistiche”. La politica, secondo Zottola non deve produrre divisioni ma preoccuparsi di come risolvere i nodi del collegamento per il Centro Agrolimentare di Fondi e per il Porto Commerciale di Gaeta. “Dunque ben venga e si faccia al più presto la nuova Autostrada Roma Latina, senza se e senza ma”, dice ancora Zottola. Che, a nome dell’intero sistema Associativo, invita infine la politica tutta a superare e le divisioni e a fare squadra “per il bene del nostro territorio e per creare nuove occasioni di sviluppo economico per le nostre aziende”.

ROMA-LATINA, INFURIA IL DIBATTITO. E ARRIVANO APERTURE SULLA MESSA IN SICUREZZA DELLA PONTINA

CORRIDOIO ROMA-LATINA, IL FRONTE DEL “NO” ALZA LA VOCE: PRONTI A COINVOLGERE L’UNIONE EUROPEA

CORRIDOIO ROMA-LATINA, ANCHE I GRILLINI SI UNISCONO AL FRONTE DEL NO

CORRIDOIO ROMA – LATINA, ECCO IL BANDO. E PER LA CISTERNA – VALMONTONE ARRIVANO 240 MILIONI

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img