Un uomo di 46 anni di Minturno è risultato positivo al tampone facendo salire a quota 563 i casi sinora conteggiati in provincia dalla Asl di Latina.

La positività era stata comunicata ieri nel tardo pomeriggio e conteggiata solo oggi.

Per fortuna non si registrano nuovi decessi e nessun paziente Covid è ricoverato presso la terapia intensiva del Goretti.

L’uomo è curato a domicilio. Si indaga sulla provenienza dei contagi con l’avvio della relativa indagine epidemiologica. Nel mirino ci sarebbero cene e e feste tenute sotto stretto controllo anche nel resto del territorio regionale.

Sono queste ad oggi, oltre ai luoghi di maggiore incontro come le zone della movida, le occasioni in cui il virus complice un abbassamento dell’attenzione trova maggior spazio per circolare.

Nel Lazio, invece i casi, dopo il boom di ieri sono 14 e zero decessi.

Di questi ben 11 si registrano a Roma città. “Dei nuovi casi giornalieri – spiega l’assessore regionale Alessio D’Amato – si registrano 6 casi di nazionalità del Bangladesh (5 da Roma città e uno da Viterbo) e di questi tre sono di rientro con volo aereo da Dacca. E’ necessario fare i tamponi all’aeroporto e garantirel’isolamento per chi proviene dai Paesi ad alto rischio. Continuiamo ad avere una prevalenza dicasi di importazione”.

Nella Asl Roma 1 dei tre casi odierni uno riguarda una donna di 88 anni individuata con test di sieroprevalenza in fase di accesso alla casa di riposo.

Nella Asl Roma 2 si registrano 5 casi tutti di nazionalità Bangladesh e sono conviventi di un caso positivo già noto individuato al Policlinico Casilino. Due di questi casi sono di rientro con volo internazionale da Dacca.

Nella Asl Roma 3 sono 3 i casi odierni e di questi una donna di trent’anni asintomatica individuata con il test di sieroprevalenza e di rientro da Londra.

E’ in corso l’indagine epidemiologica. Un secondo caso riguarda una insegnante di 64 anni asintomatica individuata al test di sieroprevalenza e un ragazzo di 20 anni segnalato dal medico di medicina generale.