controlli polizia ferroviaria

Nel corso della notte, 18 migranti trasferiti a Latina lo scorso 28 luglio ed attualmente ospitati presso un Cas di Cori, tutti già sottoposti a tampone orofaringeo e risultati negativi al “Covid-19″, si sono allontanati furtivamente dalla struttura, dove stavano proseguendo il periodo di sorveglianza fiduciaria.

Dalla prima ricostruzione dei fatti è emerso che gli stranieri, 17 tunisini ed 1 egiziano, tra i quali 5 minorenni e 2 donne, si sono allontanati intorno alla mezzanotte dopo aver scavalcato alla spicciolata un muro laterale dell’edificio ed eluso la sorveglianza da parte della polizia presente sul posto, approfittando dell’oscurità.

Subito dopo aver avuto notizia dell’allontanamento il Questore, insieme con personale delle Volanti, della Digos, della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. Cisterna di Latina (LT), ha diretto personalmente una battuta di ricerca ad ampio raggio nelle zone circostanti, che ha permesso di rintracciare 7 immigrati, trovati nascosti nelle campagne circostanti la stazione ferroviaria di Cisterna e lungo i binari.

E’ stata quindi allertata la polizia ferroviaria, visto che i poliziotti erano impegnati nelle ricerche lungo i binari, ove probabilmente si nascondevano altri stranieri.

Si è reso quindi indispensabile far rallentare la marcia dei treni in transito per garantire la sicurezza e l’incolumità degli agenti e dei migranti.

Sono state altresì fornite ai poliziotti di Roma Termini le fotografie degli stranieri non ancora rintracciati, ritenendo plausibile che potessero aver preso il primo treno utile, delle 5 per Roma.

Sono stati fermati altri 6 migranti, che verosimilmente avevano raggiunto a piedi Latina Scalo ove erano saliti a bordo treno per sottrarsi alla polizia che li stava tallonando lungo la strada ferrata.

Proseguono incessantemente le ricerche degli altri 5 stranieri.