mercoledì 18 Maggio 2022

Conte firma il nuovo decreto. Serrata fino al 3 maggio ma riaprono librerie e negozi per neonati e bimbi

Cinque ore di ritardo rispetto all’orario inizialmente previsto.

E’ partita così la conferenza stampa del premier Conte da Palazzo Chigi con cui ha annunciato la firma di un nuovo decreto che prolunga le misure restrittive sino al 3 maggio.

Un provvedimento che non sorprende considerato che le parole d’ordine sono gradualità e prevenzione.

“Non possiamo vanificare gli sforzi sin qui fatti – ha spiegato Conte – perchè si rischierebbe un aumento dei decessi e delle vittime. Se cediamo adesso il rischio è di ripartire daccapo. Una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutte le responsabilità politiche“.

Il decreto contiene qualche piccola novità. Da martedì 14 aprile ripartiranno, infatti, le cartolibrerie, le librerie, i negozi per neonati e bambini, e potrà riprenderà l’attività di taglio della legna nei boschi.

Per le altre attività produttive, per cui Conte chiede alle imprese di continuare ad attuare protocolli serrati di igienizzazione e sanificazione nonchè tutte i presidi di sicurezza a tutela dei lavoratori, si procederà di volta in volta valutando i dati con massima attenzione.

“Il lavoro per la fase 2 è già partito, non possiamo aspettare che virus scompaia del tutto dal nostro territorio. Servirà un programma articolato e organico su due pilastri: un gruppo di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro. Ho firmato il decreto per il comitato di esperti  che affiancherà il comitato tecnico scientifico nella fase 2. A guidare la task force per fase due sarà Vittorio Colao, ex amministratore delegato di Vodafone”.

 

Alessia Tomasini
Nata a Latina è laureata in Scienze politiche e marketing internazionale. Ha collaborato con Il Tempo e L'Opinione ed è stata caporedattore de Il territorio e tele Etere per la politica e l'economia. L'esperienza nell'ambito politico l'ha vista collaborare con pubbliche amministrazioni, non ultima quella con la regione Lazio, come portavoce e ufficio stampa.

CORRELATI

spot_img
spot_img