venerdì 2 Giugno 2023

Consorzio di Bonifica, i lavoratori scendono in piazza: corteo fino alla Prefettura per incontrare Faloni

di Redazione – I lavoratori del Consorzio di Bonifica scendono in piazza per richiamare l’attenzione sulla situazione dell’ente. I dipendenti non percepiscono lo stipendio da 5 mesi, i fornitori non vengono pagati e i mezzi hanno bisogno di manutenzione.

Anche se dalla Regione sono arrivate delle rassicurazioni, i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno confermato lo sciopero e il corteo che partirà domani 3 novembre alle 10.30 dalla sede del Consorzio di Bonifica, in Corso Matteotti per arrivare fino a Piazza della Libertà sotto la Prefettura. I sindacati e i rappresentanti dei lavoratori chiederanno di essere ricevuti dal Prefetto Faloni al quale intendono consegnare un documento in cui si rilevano le situazioni di criticità relative al personale e la segnalazione dei pericoli che corre il territorio, nel caso di eventi meteorologici avversi, come due o tre giorni consecutivi di pioggia.

LA NOTA DI ENRICO FORTE E ROSA GIANCOLA – Nel frattempo dalla Regione Lazio sta arrivando un proposta di delibera per sbloccare risorse per i consorzi di bonifica. “A fronte della proposta di delibera di giunta per sbloccare le risorse da destinare ai consorzi di bonifica, vigileremo affinché la Regione Lazio approvi l’atto nei tempi e nei modi annunciati dall’esecutivo regionale”, così in una nota i consiglieri regionali del PD Rosa Giancola e Enrico Forte. L’approvazione dell’atto è slittata di una settimana, ma il contenuto rimane identico. “La delibera di giunta – spiegano i consiglieri – colma una carenza amministrativa ed economica che si trascinava da anni, tanto da pregiudicato la corretta contabilizzazione delle attività dei consorzi di bonifica”. Nella proposta di delibera viene stabilito che a partire dal primo gennaio 2016, e contrariamente a quanto avvenuto prima, i consorzi di bonifica potranno contare su risorse certe avviando una politica di efficientamento che sfocerà nella riorganizzazione e nella razionalizzazione dei consorzi sul piano regionale. “Grazie alla collaborazione con il presidente dell’Anbi regionale, Pasquale Conti, e con il direttore del consorzio di Bonifica di Latina, Tullio Corbo, l’amministrazione regionale formalizza l’impegno nel salvaguardare l’occupazione, assicurare la tutela del territorio e garantire la sicurezza dei cittadini – aggiungono Giancola e Forte –Ricordiamo che al consorzio pontino verranno attribuiti oltre 1,5 milioni di euro con cui potranno essere sanati i ritardi nel pagamento degli stipendi e consentire ai lavoratori di affrontare il proprio prezioso lavoro con maggiore serenità”.

CORRELATI

spot_img
spot_img