Claudio-Fazzone
Claudio Fazzone

Claudio Fazzone non ha accolto favorevolmente la proposta di ridurre i Consorzi di Sviluppo Industriale e un unico consorzio Regionale. Se ne discute in questi giorni alla Pisana. L’idea è piaciuta a Unindustria. Non al senatore e coordinatore di Forza Italia.

“Il ruolo dei consorzi industriali è di assoluta rilevanza, poiché essi contribuiscono allo sviluppo del territorio e delle nostre aziende. Nel Lazio, c’è la necessità di affrontare con legge ordinaria l’argomento, soprattutto per affrontare alcune criticità, a partire dalla esigenza di fornire risposte concrete, rendendo più snelle e rapide le procedure, che spesso sono troppo complesse. Dunque, molte volte le nostre aziende attendono troppo tempo, e cosi ad essere penalizzati sono i territori e la nostra economia locale. Per questo, sono rimasto basito dopo aver appreso che il Presidente Zingaretti avrebbe fatto presentare un emendamento al collegato, in discussione in questi giorni in Aula alla Pisana, che prevederebbe il passaggio dagli attuali cinque consorzi ad uno”, così il senatore azzurro.

Da Claudio Fazzone arriva anche un attacco al governo della Regione Lazio: “Resto profondamente perplesso, poiché questa misura non costituisce una priorità. Zingaretti dovrebbe ben conoscere i problemi reali, le esigenze e le peculiarità del nostro tessuto produttivo e delle imprese, che necessitano di una normativa più efficiente per reinterpretare al meglio i propri bisogni. Perciò, auspico e mi auguro vivamente che il Governatore torni sui propri passi, dato che la tematica va affrontata tramite legge ordinaria, con un confronto aperto, al fine di adottare quelle misure volte alla valorizzazione dei consorzi, rendendoli sempre più competitivi anche a livello internazionale. È necessario – conclude Fazzone – ascoltare le vere e più oggettive esigenze delle nostre aziende