Ulysess Film Awards Confcommercio

E’ un connubio decisamente vincente quello tra cinema e turismo, presentato ieri sera alla prima edizione dell’Ulysses Film Awards.

L’iniziativa, ideata dal produttore Daniele Urciuolo e organizzata da Ulysses experience e Alfiere productions, è stata “una straordinaria opportunità di promozione di un territorio che possiamo ben denominare terra del cinema”.

A dichiararlo il presidente di Confcommercio Lazio e Lazio Sud, Giovanni Acampora, durante l’apertura dell’esposizione documentale “La Terra del cinema”, curata dall’associazione “Terrarunca”.

“Già dagli anni 20 e per lungo tempo nella riviera di Ulisse, sono stati girati film che hanno fatto la storia del cinema italiano – ha continuato – Basti ricordare ‘La ciociara’ ambientato tra Itri e Fondi, ‘Totò terzo uomo’ tra Formia e Minturno, sino a produzioni internazionali quali ‘La Bibbia’ di Huston e ‘A trenta milioni di Km dalla Terra’ nelle zone di Itri e Sperlonga”.

Supportato dal presidente di Confcommercio Gaeta, Lucia Vagnati, dalla sua vice Paola Guglietta, dal direttore generale Salvatore Di Cecca e dal delegato Daniele Iadicicco, Acampora ha ricordato di quando Totò proprio a Formia annotò su un pacchetto di sigarette le note di quella che sarebbe diventata una delle canzoni più belle e famose della discografia italiana “Malafemmena”.

Non sono mancati gli omaggi alla città natale di Acampora, Scauri di Minturno, dove sulla suggestiva spiaggia dei sassolini è stata ripresa una delle scene della miniserie “Il Conte di Montecristo” con Gerard Depardieu e Ornella Muti, oltre a “Per grazia ricevuta” di Nino Manfredi.

“Un plauso va a chi ha creduto in questa scommessa, e un ringraziamento doveroso all’amico Daniele Urciuolo – ha sottolineato il presidente di Confcommercio Lazio Sud – alle amministrazioni comunali e alle tante imprese. Ma soprattutto bisogna ringraziare Claudio Bucci, a cui è andato il premio per aver ambientato la sua ultima produzione “Compromessi Sposi” proprio nel Golfo di Gaeta”.

Se da un lato la strada per il rilancio dell’economia attraverso il cinema è ormai tracciata, dall’altra si deve continuare a investire su nuove progettualità.

“Penso a ciò che nel North Irland, sede della serie il ‘Trono di spade’, sono riusciti a fare – ha concluso Giovanni Acampora – costruendo pacchetti turistici, escursioni e visite guidate dei luoghi in cui si sono girate le scene finite sul grande schermo. L’opportunità può essere colta, senza indugio, dalle amministrazioni comunali, interloquendo e favorendo le tante produzioni cinematografiche e televisive. In questa realtà Confcommercio ci sarà, promuovendo e facendo conoscere la nostra magnifica riviera di Ulisse”.