Damiano coletta con gli altri sindaci

“Certo che vado a Piazza grande, mi hanno invitato”. Damiano Coletta, sindaco di Latina, spiega la sua “adesione” all’iniziativa di Nicola Zingaretti in vista del congresso del Pd e chiarisce: “sono stato invitato ad un dibattito, come altri sindaci non del Pd e che, tra l’altro hanno il Pd all’opposizione. Ma la mia, la nostra è la presenza ad un dibattito, non una adesione al partito, abbiamo il nostro”. Ma è una manifestazione dentro il dibattito interno al Pd: “io ho risposto cortesemente ad un cortese invito, non è adesione al Pd, ma credo che il presidente Zingaretti, con cui ho un ottimo rapporto, voglia evidenziare con la nostra presenza un modello di dialogo del Pd che sarà, ma ora è un dibattito loro e loro ci chiedono di spiegare una esperienza. Poi noi abbiamo Italia in Comune un progetto in cui chiediamo”.

Certo è che la sinistra oggi deve trovare interlocutori, per vincere bisogna essere di più non di meno. Forse uno degli errori di questa parte politica è stato sentirsi unici e non tra pari. La Dc anche quando aveva la maggioranza assoluta si “alleava”, nessuno al mondo si basta, anche per fare un bimbo ci vuole condivisione. Dalla vocazione maggioritaria, alla attrattiva valoriale.