Domenico-Guidi
Domenico Guidi

A criticare Damiano Coletta in tempo di Coletta trionfante eravamo (uso il plurale per non sentirmi solo) pochi, ora arrivano “osservazioni” anche dai suoi. Ora si tocca l’isolamento di quel progetto politico nonostante i tentativi di esportazione che vanno da “Sezze bene comune”, ad “Italia in Comune”, passando per flirt rapidi con sindaci Masaniello alla Luigi De Magistris. Ma Coletta non guida neanche la Giada Gervasi di Sabaudia o la Paola Villa di Formia, men che mai Tonino Terra ad Aprilia.

La provincia di Latina ha nella “politica civica” una risposta che ha frenato i 5 stelle, ma non è mai diventata sistema. Il navigatissimo sindaco di Bassiano, Memmo Guidi, aveva capito che il “domani” alternativo alla Lega era lì, ma gli egoismi e la volontà di leadership di Coletta, ha bloccato il progetto. Ma ora il problema si pone: se la destra ha trovato il proprio catalizzatore sulla Lega, gli altri si trovano ancora divisi e, se divisi, alla mercé dell’inevitabile “salvinificazione” della politica pontina. Non è catalizzatore il civico Coletta, ma neanche il Pd che dialoga a Aprilia con Terra, a Gaeta con Cosimino Mitrano, il provincia con un patto i istituzionale ad excludendum dei civici (nella doppia versione di Coletta e Guidi-Gervasi-Terra). Ma il nodo resta se hai davanti un mostro (per ora, Giancarlo Giorgetti della Lega ai suoi oggi pieni di entusiasmo ricorda sempre il 44% che fu di Matteo Renzi solo 5 anni fa) aggregante come la Lega, devi parlare con chi resta e qua restano i civici. La politica non si fa con l’ottimo ma con il possibile, la stessa Forza Italia deve uscire dalla finzione di un centro destra che non c’è, rischiano di avere il peso del partito contadino nella Polonia comunista. Sopravvive chi ha il coraggio di fare strade impervie, l’autostrada non si farà. Altrimenti? Sarà una agonia e la consegne delle chiavi della comunità a Claudio Durigon.

Naturalmente continueranno tutto a sentirsi autosufficienti, a pensare a guerre parallele personali. Il Duce per fa vedere che contava qualcosa attaccò la Grecia, dovettero salvarlo i tedeschi perché lui, attaccante, aveva visto invadere il suo territorio dagli attaccati, il primo e unico caso nella storia. Ecco, o i civici tutti, o Coletta, o il Pd comunciano a muovere o “vedranno vincere”. Per tacer di Forza Italia non è da meno.