Sia pur a velocità diverse a seconda delle varie province e regioni, la vita, nella convivenza quotidiana con la pandemia, cerca di tornare alla normalità

Ne è un esempio, in piccolo, la riapertura del cantiere per la sistemazione di via Enrico Toti a Cisterna.

Interrotti proprio a causa del Covid, i lavori sono ripresi questa mattina. Un intervento molto importante perché riguarda un’arteria strategica per la viabilità cittadina.

Questa, infatti, svolge un’importante funzione di collegamento tra due strade importanti di Cisterna, la via Provinciale per Latina e via Nettuno, la prima di collegamento con il capoluogo di provincia, l’altro con la statale 148 Pontina e quindi con il Raccordo Anulare e la Capitale.

Il traffico, non solo di auto ma anche di camion carichi di merci da e verso l’area Industriale e, in particolari periodi dell’anno, di kiwi di cui l’area circostante di Borgo Flora è grande produttrice europea.

Tutta questa mole di transito unito a tanti anni di mancata manutenzione, hanno reso via Toti un percorso molto accidentato, con la sede stradale deformata, numerose buche tamponate di volta in volta, il fondo sconnesso.

“Sono molti gli interventi programmati dall’amministrazione e che il servizio progettazioni e lavori pubblici sta attuando e molti altri a breve attuerà. Se non ci fosse stato – spiega l’assessore al ramo e vicesindaco Vittorio Sambucci – il blocco dei cantieri a causa del Coronavirus molti sarebbero già stati realizzati e conclusi ma l’importante è che si sia potuto finalmente riprendere. Quello della sicurezza stradale, poi, è un impegno importante che questa amministrazione si è assunta supplendo ad anni di abbandono e degrado”.

I lavori riguarderanno la fresatura e il rifacimento della strada, il ripristino delle quote dei chiusini di fogna e acquedotto, la pulizia delle scoline. Inoltre verranno risistemate le banchine laterali e si provvederà al rifacimento e adeguamento della segnaletica orizzontale e, ove occorre, verticale.