strisce blu

I parcheggi della stazione di Cisterna non diventeranno a pagamento. È il sindaco Mauro Carturan a prendere una posizione chiara e netta, annunciando che le strisce blu dipinte in questi giorni, saranno tolte. 

“La delibera sulle strisce blu a Cisterna risale all’amministrazione Della Penna – ha detto il Primo cittadino – e noi, nel corso dei primi 4 mesi di amministrazione prima della sospensione di novembre, abbiamo voluto congelarla in attesa di avviare i lavori preventivati sul Corso della Repubblica. Oggi ci ritroviamo questo scellerato piano esecutivo senza che nessuno ci abbia interpellato in questi giorni di insediamento. Per questo per ora tutto deve essere riconsiderato dalla nuova amministrazione che stiamo componendo ed in particolare le strisce blu alla stazione verranno cancellate perché trovo immorale far pagare il parcheggio agli operai e agli studenti pendolari”.

L’ordinanza per dare il via ai lavori era stata fatta il 4 gennaio, quando Cisterna era ancora gestita dal commissario prefettizio Monica Ferrara Minolfi. Nei giorni scorsi erano stati fatti i lavori in diverse zone di Cisterna, per disegnare le strisce blu, in attesa che fosse affidato l’appalto per decidere il gestore, che a Cisterna manca da anni. Ma tra le vie incluse, anche via Lombardia, dove si trova il piazzale retrostante la stazione, utilizzato come parcheggio. Da sempre a strisce bianche. 

Sul tema era intervenuta anche l’ex consigliera comunale del Pd Elisa Giorgi, che nella scorsa amministrazione aveva osteggiato il provvedimento targato Della Penna. È lei a ricapitolare come sono andate le cose, senza risparmiare critiche all’attuale sindaco.

“La scelta di mettere le strisce blu dietro la stazione mi trova oggi come ieri fortemente contraria. Sento già dire e vedo scritte le cose più inesatte e allora ritengo opportuno ricordare come è andata la vicenda, visto che io per prima, da consigliere di opposizione, feci una battaglia sull’organizzazione delle aree di sosta a pagamento a Cisterna e contro il pagamento di Via Lombardia. A Cisterna non esiste un piano parcheggio e la scelta di mettere delle aree a pagamento con relative tariffe è di competenza della giunta. I posti che oggi sono stati tracciati in blu sono stati scelti dalla giunta Della Penna, a poche settimane dalla caduta di quella giunta. In commissione prima e in consiglio poi mi ero battuta sia per il nuovo regolamento che per escludere l’area di interesse per i pendolari, fasce di studenti e lavoratori che ogni mattina già vivono un’odissea.  A seguito di questo c’era già stata una parziale retromarcia, con la scelta di una tariffa giornaliera, ma poi si è tutto fermato a seguito dello scioglimento del consiglio alla fine del 2017″, ricorda l’esponente Pd.

“Nei 5 mesi da Sindaco, Carturan e la sua giunta non hanno messo mano alla questione lasciando che il bando per affidamento delle aree sosta a pagamento venisse fatto sulla vecchia delibera di giunta. Ne erano a conoscenza visto che l’aggiudicazione del servizio è del settembre scorso, con primo cittadino e maggioranza ancora in forza al comune. Una mancanza di attenzione non da poco, aggravata sicuramente dal poco tempo e dalle tante distrazioni avute. Ora che il Comune è nuovamente guidato da un Sindaco, che presto renderà nota anche la squadra degli assessori, oltre agli auguri di buon lavoro li esorto a prestare attenzione a questa questione. Mi auguro – conclude – che sia nell’intenzione del Sindaco Carturan fare da subito chiarezza, a maggior ragione per i tanti pendolari che ogni giorno si recano alla stazione e trovano quell’area sporca, buia ed insicura. Questa è l’urgenza, altro che il pagamento del ticket”.