sabato 24 Febbraio 2024
spot_img

Cisterna, il murales dedicato alle vittime della strada impreziosisce San Valentino

di Redazione – Ci sono voluti due anni di lavoro, ma ieri è stato finalmente inaugurato il murales “167 Modi di dire colore” a Cisterna, nel quartiere San Valentino. Il progetto è nato su iniziativa dell’Associazione il Ponte Onlus ed è stato finanziato dal Comune di Cisterna.

Il murales copre 700 mq di muro situati presso un ponte che per anni è stato in stato di abbandono. Ora la struttura ha una nuova vita grazie alla fantasia del gruppo artistico Hawana Family Crew, presenti all’inaugurazione. Erano presenti ieri anche rappresentanto dell’Associazione Il Ponte, il Sindaco Eleonora Della Penna, il vicesindaaco Marco Muzzupappa, i ragazzi del centro di ascolto e i residenti del quartiere San Valentino.

Gli Hawana Fmily Crew, Wame, Seok, Remov e Pauraz, all’anagrafe Morris e Mirko Modena, Luca Pepe e Federico Iona hanno ritratto nel murales volti di giovani vittime della strada congiunti da un arcobaleno e proiettati sull’altro lato della strada dove è rappresentata la natura incontaminata.

“È un modo per intendere ed indicare come viene visto e vissuto il quartiere. Un quartiere che vive una realtà popolare delicata e precaria. Attraverso l’uso del colore esprimiamo il nostro sentire il mondo, imparando dai fratelli e amici più grandi di noi a rispettare nel senso assoluto del termine. Ci auguriamo che iniziative del genere diventino sempre più frequenti” commenta Morris Modena.

“Giovani come Morris, Luca, Mirko e Federico sono oggi per tanti ragazzi del loro quartiere un esempio, una guida: non dei ‘vandali’ con la bomboletta in mano, ma veri e propri artisti – commenta il Sindaco Della Penna. Noi tutti speriamo fortemente che realizzino i loro sogni, portino a compimento tutti gli obiettivi che si prefissano, per portare alto non solo il nome di Cisterna, ma quello del Quartiere”

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img