venerdì 2 Dicembre 2022

Cisterna, dipendenti infedeli pedinati e beccati a vendere cialde di caffè sottobanco

I conti, in un grande magazzino di stoccaggio merci, nella zona industriale di Cisterna di Latina, non tornano.

L’amministratore di un nota ditta distributrice di prodotti per caffetteria ha deciso quindi di fare chiarezza.

Si è rivolto al commissariato di Cisterna, a fronte di importanti ammanchi, in particolare di colli contenenti cialde per macchine da caffè, registrati negli ultimi quattro mesi .

Le indagini, dopo aver escluso furti da parte di persone esterne all’azienda, si sono concentrate su pedinamenti dei vari furgoni utilizzati per la distribuzione nella provincia di Latina.

Gli agenti hanno scoperto che terminato il giro di rifornimento ai rivenditori ufficiali un furgone con due dipendenti a bordo effettuava altre consegne a privati evidentemente estranei all’attività del gruppo industriale.

Gli agenti hanno quindi sorpreso i due dipendenti “infedeli” ed un uomo all’atto, rispettivamente, di consegnare e ricevere merce senza alcun riscontro contabile e documentale.

Da tempo i due, operanti sullo stesso turno, prelevavano dal magazzino oltre i colli previsti nei documenti di viaggio anche altri i colli inserendoli in imballaggi di trasporto più ampi  nella convinzione che la grande distribuzione non cogliesse singoli ammanchi.

I dipendenti sono stati denunciati per furto aggravato, il consegnatario della merce per ricettazione e la merce restituita alla ditta

Gravi anche le conseguenze possibili per i due dipendenti in campo civile per il tradimento del rapporto di fiducia con il datore di lavoro.

CORRELATI

spot_img
spot_img