“Dieci incontri per crescere”, è questo il titolo del percorso formativo della Fistel Cisl Lazio insieme alla Flaei Cisl Lazio, inserito nel progetto Cisl Reti Lazio, che si è svolto presso l’Università “La Sapienza” di Roma, sede di Latina.

Obiettivo della sessione: dare formazione qualificata sul tema delle rinunce e delle transazioni.

Argomento tecnico ma di grande attualità perchè i conflitti tra maestranze e datore di lavoro sono una realtà imporante.

In cattedra il professor Fabrizio Proietti, docente di diritto del lavoro e relazioni industriali.

La transazione, oggi più che mai, rappresenta uno strumento che molte volte evita il conflitto giudiziario e le lungaggini procedurali perchè spesso il lavoratore deve aspettare molto tempo prima di approdare ad una sentenza definitiva.

E’ preferibile risolvere la controversia in ambito stragiudiziale attraverso lo strumento negoziale per far convergere le esigenze delle parti.

Per la Cisl la formazione è un tema fondamentale sin dai suoi esordi ed ha accompagnato l’evoluzione della confederazione e delle sue categorie.

La Cisl per svolgere la formazione ha sempre sviluppato un nucleo di professionisti delle attività formative interni o esterni all’organizzazione.

La scelta di ampliare il gruppo di “docenti” a figure che non siano formatori a tempo pieno si è rivelata efficace per evitare un eccesso di delega esterna consentendo l’accesso al “fatto formativo” anche a persone che sono attive su altri piani.

Si creano così delle reti tra questi formatori che finiscono, nella maggior parte dei casi, anche per svolgere in modo migliore il loro lavoro prettamente sindacale.

Un esempio tangibile è stato il corso di formazione conferderale dal titolo “Da gestore del conflitto a promotore dello sviluppo” organizzato dalla Cisl di Latina che, giunto alla sua terza edizione ha visto ben 120 delegati Rsu e aspiranti, ricevere competenze specifiche sulla leadership orizzontale, diritto de lavoro, contrattazione e nozioni storiche della Cisl.

Non a caso, oggi, Noemi Montanari, che proviene da questo percorso è responsabile del dipartimento di formaizone e informazione della Fistel Cisl Lazio e a tal proposito ha dichiarato:”Dieci incontri per crescere” è un successo collaudato da due anni e si prefigge di trattare dieci argomenti differenti che abbracciano i temi sostanziali che un delegato deve conoscere per svolgere al meglio il suo lavoro. Inoltre è un momento fondamentale per far conoscere meglio il sindacato e le opportunità che offre ai lavoratori e ai cittadini”

La scelta della location per organizzare questo incontro formativo non è stata casuale.

“L’università di Latina è il cuore pulsante della nostra città. Un punto di riferimento per la formazine perchè attraverso lo studio e la cultura è possibile apportare cambiamenti significativi e il sindacalista ne deve essere fautore e gestore. Anche quest’anno – ha spiegato Roberto Cecere, segretario generale della Cisl di Latina – riproponiamo l’evento formativo sull’isola di Ventotene che arà come titolo “La sicurezza nei posti di lavoro in Europa”. Per combattere l’attuale populismo che ci circonda, doabbiamo essere tra la gente con professionalità e intervenire quando si dicono cose non esatte. Il silenzio del sindacalista non paga, anzi confronde le persone e può essere oggetto di strumentalizzazione e sciacallaggio. La Cisl è una organizzazine viva  e sana, la prova tangivìbile è la numerosa presenza di uomni e donne a questo corso”.