Chiusura MD, lavoratrici trasferite a 100 km. Cartisano: “Licenziamenti camuffati”

0
58

Dopo la notizia della chiusura del supermercato MD di Terracina, sabato scorso, nel piazzale adiacente il negozio clienti storici, passanti e lavoratori del settore si sono dati appuntamento per esprimere solidarietà alle lavoratrici part/time del punto vendita che saranno trasferite.

Con loro anche i sindacalisti della Uiltucs Latina sollecitati a partecipare al sit in, che hanno il comportamento del gruppo MD ritenuto “distante e discutibile nei confronti di lavoratrici che da 25 anni operano professionalmente e con dedizione in quel punto vendita. La prova – dicono – sono i tanti clienti che hanno reagito, ieri presenti al presidio e i tanti messaggi ricevuti a sostegno delle maestranze trasferite per ‘esigenze organizzative’, ma intanto in tarda serata si abbassavano le serrande definitivamente senza il confronto e soprattutto senza motivazioni”.

“Avremmo dovuto condividere un percorso condiviso attraverso il confronto – ha commentato il responsabile territoriale della Uiltucs Latina Gianfranco Cartisano – le soluzioni alternative c’erano ed ancora esistono è l’azienda MD che vuole continuare con atteggiamenti unilaterali. Il trasferimento comunicato in punti vendita distanti sino a 100 km significa ‘licenziamenti camuffati’. Continueremo come categoria al fianco delle lavoratrici part time, alcune monoreddito, le quali vogliono il lavoro e continuare a lavorare dignitosamente”.

Il sindacato poi va oltre: “Saremo attenti come organizzazione sindacale: in caso di mancate risposte il presidio si trasformerà in manifestazioni sui vari siti MD della provincia”.